Il Secours Populaire des Landes cerca famiglie ospitanti per le vacanze dei bambini – Landes Info

-

Il Secours populaire Landais lancia un appello alla solidarietà. Secondo i dati nazionali, un bambino su tre è privato delle vacanze. L’associazione desidera modestamente ridurre questo numero permettendo ad una decina di bambini di Yvelines (78 anni) di venire a trascorrere le vacanze nelle Landes.

Una lunga storia di solidarietà

Françoise Poggi, ex presidente del Comitato di Soccorso Popolare di Mons, resta una figura emblematica di questa iniziativa. Diventata consulente esperta, ha ripreso a livello federale un progetto che le sta a cuore da molti anni: accogliere i bambini in vacanza presso le famiglie volontarie delle Landes.

L’iniziativa è iniziata negli anni ’80, in risposta alla crescente disoccupazione e al peggioramento della povertà. “In quegli anni eravamo in contatto con la Mosella. Alcuni dei nostri colleghi di questa regione sono venuti per curarsi a Dax e siamo diventati particolarmente vicini al comitato di Hayange. » Ogni estate, una quindicina di bambini della Mosella venivano a trascorrere le vacanze nelle Landes, creando legami che continuano ancora oggi.

Rilanciare l’iniziativa dopo il Covid

La pandemia di Covid-19 ha messo fine a questo progetto, ma Françoise Poggi è determinata a rilanciarlo. I contatti con la Mosella si sono indeboliti, ma secondo il Sud Ovest sono stati allacciati nuovi rapporti con la federazione degli Yvelines durante l’ultimo congresso nazionale di Strasburgo.

Grazie al suo impegno, cinque famiglie volontarie delle Landes sono pronte ad accogliere i bambini quest’estate. Tuttavia, il Secours populaire Landais è ancora alla ricerca di altre cinque famiglie che accolgano i bambini dai 7 agli 11 anni dall’8 al 23 luglio 2024. “Come ha detto mio marito, basta aggiungere un piatto e far vivere il bambino con la famiglia”, precisa Françoise Poggi.

Un appello alla solidarietà

Le famiglie interessate a diventare volontarie possono contattare Secours populaire. L’associazione li contatterà per completare un dossier comprendente domande sull’assicurazione e controlli del casellario giudiziale. I volontari visiteranno poi le case delle famiglie volontarie per assicurarsi che l’accoglienza sia ottimale.

Le vacanze sono un diritto per il quale il Secours populaire si batte. Rappresentano una boccata d’aria fresca per questi bambini la cui vita quotidiana non è sempre facile.

-

PREV Manica. Tra risparmio ed ecologia, l’agricoltore Emmanuel Auguste pratica il pascolo dinamico
NEXT Possiamo davvero ridurre l’Iva su elettricità, gas e carburanti dal 20% al 5,5%, come propone la RN?