GARD Antropologia per comprendere meglio la storia umana

-

L’Istituto Nazionale per la Ricerca Archeologica Preventiva utilizza l’antropologia per analizzare e studiare i suoi siti di scavo.

Uno scheletro (Foto Anthony Maurin).

Scavo significa distruzione. È così che l’Uomo riscrive il suo passato. Cerca strato dopo strato, strato dopo strato e torna indietro nel tempo, rimuovendo le tracce più recenti. Si conserva attraverso lo studio. Che dire dei resti umani e delle sepolture? È la stessa cosa !

Tranne che in circostanze eccezionali, come nel caso dei corpi ritrovati nelle torbiere, lo scheletro è l’unica parte del corpo umano a sopravvivere a lungo dopo la morte. Il suo grado di conservazione dipende dal terreno in cui è sepolto, ma anche dal trattamento subito dal corpo del defunto.

Gli scavi rivelano più di 20 scheletri (Foto Anthony Maurin).

La sepoltura può essere individuale o collettiva, sommaria o elaborata; può comportare la cremazione, con raccolta delle ossa calcinate. I riti funebri sono antichi quanto l’umanità e variano notevolmente a seconda della cultura. L’antropologo tenta di ricostruire i gesti mortuari studiando l’architettura della tomba, dai resti presenti e dalla posizione delle ossa. Lo studio delle sepolture offre una grande ricchezza di informazioni sul passato.

Antropologia

In senso lato, l’antropologia è la scienza che studia le caratteristiche anatomiche, biologiche, culturali e sociali degli esseri umani. Applicato all’archeologia, si interessa ai resti umani e al contesto in cui vengono scoperti.

Durante gli scavi furono rinvenuti una decina di scheletri. (foto CCBTA)

Sul campo e poi in laboratorio, l’antropologo esamina i resti dei defunti per identificarne le caratteristiche biologiche, le circostanze della loro morte e i traumi e le malattie a cui potrebbero essere sopravvissuti o meno. Studia inoltre tutte le caratteristiche della tomba, arricchendo così la conoscenza delle società antiche attraverso le loro pratiche funerarie: trattamento del corpo, tipo di tomba, ornamento, offerte, mobili…

Metodi di ricerca e campionamento

Lo scavo di una sepoltura è tanto più delicato in quanto, spesso, si sovrappongono più livelli funerari di epoche diverse. Nessun osso o oggetto dovrà essere spostato prima di aver osservato e studiato la struttura della tomba. Infine, le ossa e i relativi mobili vengono descritti, fotografati, talvolta disegnati prima di essere raccolti. Decifrare una sepoltura è un lavoro di squadra che coinvolge diverse specialità, come medici, tecnici di laboratorio, ecc.

Scavi archeologici dell’INRAP a Nîmes qualche anno fa (Foto INRAP).. • Rémi Bénali/INRAP

Raccolta di ossa provenienti da sepolture multiple del Neolitico

Lo studio del defunto

Lo studio del defunto inizia con l’analisi delle ossa dopo la pulitura, per stimarne il sesso, l’età alla morte e la statura. Alcuni traumi e malattie croniche lasciano segni visibili sulle ossa. Una frattura non guarita può indicare la causa della morte.

A volte, uno studio microbiologico rivela tracce di parassiti, virus o un bacillo come quello della peste che avrà sicuramente causato la morte. L’antropologo può richiedere anche analisi del DNA antico, per poter formulare ipotesi sull’origine biologica dei defunti, sul raggruppamento di individui provenienti da una necropoli.

Il mondo funerario

Lo studio di una sepoltura fornisce molti insegnamenti sulle pratiche funerarie. Le modalità di decomposizione del corpo forniscono informazioni sul tipo di sepoltura: nel terreno, in un sudario, in una bara. Vengono ricostruiti tutti i gesti funebri: orientamento del corpo, posizione, abbigliamento, ornamento, deposito di offerte, ocra, oggetti personali o cibo.

Scavo di una fossa neolitica (Foto Cécile Martinez Inrap)

Si ricercano anche pratiche post-sepolcrali: riapertura della tomba, manipolazione delle ossa, recupero delle reliquie, riduzione dello scheletro. Viene descritta la struttura della tomba e le disposizioni adottate per accogliere il corpo: forma della tomba, coperchio, segni visibili sul terreno. Anche la posizione della tomba è significativa: tra i vivi o isolata.

Studiare la morte per comprendere la vita

Una storia emerge da una sepoltura e dagli scheletri che contiene. All’interno di un gruppo umano, il trattamento dei corpi può essere egualitario o differenziato a seconda del sesso, dell’età o dello status sociale.

Scavi Inrap 45-49 Rue de Beaucaire Nîmes aprile 2024 (Foto Anthony Maurin)

Un vaso racchiude un’urna contenente le ossa della persona bruciata. Sotto, un altro vaso di vetro conteneva sicuramente un unguento o altro che doveva accompagnare il defunto (Foto Anthony Maurin)

Sepolture multiple possono rivelare un’epidemia o un evento di guerra. Un corpo che porta la traccia di una lunga malattia cronica, di una frattura riparata, di cure mediche o chirurgiche, indica una capacità di farsi carico e di prendersi cura dei deboli e dei malati.

Gli oggetti che accompagnano i defunti evocano la loro vita quotidiana e i valori materiali, sociali e spirituali a cui la loro società attribuisce importanza.

-

PREV Seine-et-Marne: i volontari aiutano il patrimonio locale e salvano un lavatoio
NEXT La Svizzera batte il Canada e giocherà la finale! – rts.ch