Loira Atlantica. Dopo l’incendio in casa nel cuore della notte, la famiglia “ancora sotto shock”

Loira Atlantica. Dopo l’incendio in casa nel cuore della notte, la famiglia “ancora sotto shock”
Loira Atlantica. Dopo l’incendio in casa nel cuore della notte, la famiglia “ancora sotto shock”
-

Di

Vincent Malboeuf

pubblicato su 10 maggio 2024 alle 18:28

Vedi le mie notizie
Segui L’Hebdo de Sèvre et Maine

Due giorni dopo, le macerie carbonizzate ricoprono ancora il marciapiede davanti alla casa. Stigmate del fuoco che ha distrutto il tetto e il primo piano di questa residenza di 500 m22a Gétigné, avenue Xavier Rineau, alle porte di Clisson (Loira Atlantica).


Nella notte tra martedì 7 maggio e mercoledì 8 maggio

I fatti hanno avuto luogo nella notte tra martedì 7 e mercoledì 8 maggio. L’allarme è stato dato intorno alle 2.30. Quando sono arrivati ​​i soccorsi, il tetto della casa era già intatto totalmente in fiamme e ha richiesto l’impiego di quattro manichette antincendio, una delle quali era su una scala aerea.

I 17 vigili del fuoco del Sdis 44 hanno poi effettuato le operazioni di sgombero e messa in sicurezza del sito, con turni di sorveglianza a fine giornata. Sarebbe scoppiato un incendio nella soffitta che sono stati oggetto di lavoro.

Nessuna vittima, ma un grande spavento

Sebbene non ci siano state vittime da denunciare, la famiglia ha subito a grande spavento. Due giorni dopo, era “ancora sotto shock”, riferisce il sindaco di Gétigné, François Guillotche ha incontrato i genitori questo venerdì mattina.

È stato uno dei loro tre figli a svegliarsi e chiamare sua madre. Hanno sentito dei crepitii e tutto è successo molto rapidamente. La casa è inabitabile da molto tempo.

François Guillot, sindaco di Gétigné

La questione della riallocazione

Questa famiglia, stabilitasi in città “da 7-8 anni”, è “ben circondata”. “I genitori dormono in albergo, i bambini per il momento alloggiano dai nonni”, ha detto l’eletto.

Resta da trovare a soluzione di rialloggiamento cosa che potrebbe accadere la prossima settimana.

Le macerie carbonizzate ricoprono ancora il marciapiede due giorni dopo l’incidente. ©HSM

“In questo scenario il Comune svolge il suo ruolo di supporto, allo stesso modo in cui le compagnie di assicurazione coprono il danno. Noi e la famiglia ci stiamo attivando per trovare un affitto, anche se nel settore non è facile”.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Il grande ritorno degli STYX in Quebec dopo 5 anni di assenza: “Passava troppo tempo prima che tornassimo a vedervi”, confida il tastierista e cantante Gowan
NEXT Forti piogge, grandine e temporali: il sud del Tarn scosso dal maltempo, 19 interventi dei vigili del fuoco