Grandi progetti: città escluse dalla “piccola rivoluzione” nell’aggiudicazione degli appalti

Grandi progetti: città escluse dalla “piccola rivoluzione” nell’aggiudicazione degli appalti
Grandi progetti: città escluse dalla “piccola rivoluzione” nell’aggiudicazione degli appalti
-

La “piccola rivoluzione” presentata dal governo Legault in termini di progetti infrastrutturali non sarà accessibile alle città, che saranno costrette a continuare ad applicare la regola del miglior offerente. Tuttavia, il ministro Jonatan Julien sostiene che l’approccio collaborativo da lui proposto potrebbe far risparmiare il 15% dei costi e ridurre i ritardi del 25%.

Il ministro delle Infrastrutture suggerisce addirittura di strutturare il prossimo progetto di trasporto pubblico in Quebec trarrebbe vantaggio dall’essere in modalità collaborativaun metodo di lavoro in cui gli imprenditori sono coinvolti fin dalla concezione di un progetto, anziché dover realizzare una visione già definita senza la possibilità di modificarla per ridurre alcuni rischi costosi.

Penso che progetti su larga scala come questi siano proprio quelli che beneficiano maggiormente dell’approccio collaborativo.

Una citazione da Jonatan Julien, Ministro delle Infrastrutture del Quebec

Tuttavia, Quebec City non avrà accesso a questi nuovi strumenti. Senza di loro difficilmente potrebbe essere l’impresa capofila di un progetto strutturante la rete di trasporto, mentre nel caso della tramvia la tradizionale gara d’appalto si è conclusa con due fallimenti.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Jonatan Julien, Ministro delle Infrastrutture del Quebec

Foto: Radio-Canada

Il ministro Julien indica che le città potrebbe eventualmente avere accesso al metodo di attuazione collaborativa se il modello si dimostra valido a livello provinciale.

L’ufficio del ministro dei Trasporti aggiunge che sarebbe possibile per il governo autorizzare mediante decreto l’utilizzo della modalità collaborativa da parte delle città per la realizzazione di alcuni progetti complessi su larga scala.

Anche la Société de Transport de Montréal (STM) teme di non avere accesso a questi nuovi strumenti uno dei più grandi project manager del trasporto pubblico. Lo precisa l’organizzazione in un comunicato stampa qualsiasi riforma volta a ridurre costi e ritardi deve applicarsi a tutti i progetti di trasporto pubblico.

La nuova agenzia per il progetto Quebec?

Alla domanda se la nuova agenzia Mobilité Infra Québec (MIQ), che il ministro dei Trasporti desidera creare, potrebbe pilotare il progetto di trasporto pubblico del Quebec, Jonatan Julien ripete che vuole attendere le conclusioni di CDPQ Infra prima di andare avanti.

CAQ sostiene inoltre di voler evitare di ritardare il lancio del progetto finché la legge per la creazione dell’agenzia non è ancora stata adottata. Se verrà adottata solo in autunno, periodo in cui verrà creata l’agenzia, non voglio che rallenti l’eventuale completamento di un progettoha dichiarato il ministro dei Trasporti Geneviève Guilbault.

I poteri affidati alla Mobilité Infra Québec (MIQ) preoccupano anche Québec solidaire, che ricorda che le città hanno giurisdizione sull’occupazione del loro territorio. Lo sottolinea il deputato di Taschereau, Étienne Grandmont MIQ potrebbe finire per imporre progetti alle città e costringerle a pagarne una parte.

Secondo la lettura del disegno di legge da parte di Québec solidaire, la nuova agenzia dovrà consultare i comuni, ma non sarà tenuto a collaborare o a rispettare il piano di sviluppo.

Possiamo portare qualsiasi progetto ovunque? Con il rischio di creare nuovi quartieri non previsti nella pianificazione delle città o delle comunità metropolitane? C’è un rischioanalizza Étienne Grandmont.

Il gabinetto del municipio del Quebec non ha voluto commentare i due progetti di legge presentati giovedì dal CAQ.

Con la collaborazione di Olivier Lemieux

-

PREV La Francia sostiene la Corte Penale Internazionale – Libération
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News