I ministri si incontrano a Montreal per parlare di immigrazione temporanea

I ministri si incontrano a Montreal per parlare di immigrazione temporanea
I ministri si incontrano a Montreal per parlare di immigrazione temporanea
-

OTTAWA – I ministri del governo federale e di vari governi provinciali si incontreranno venerdì a Montreal per discutere le modalità per ridurre il numero di residenti temporanei in Canada.

Il ministro federale dell’Immigrazione Marc Miller incontrerà di persona i suoi omologhi provinciali e territoriali per la prima volta da quando ha annunciato un piano senza precedenti per limitare il numero di nuovi residenti temporanei.

L’obiettivo è frenare la rapida crescita della popolazione canadese riducendo il numero di residenti temporanei. Se nel 2023 questo gruppo rappresentava il 6,2% della popolazione, l’obiettivo è limitare questa percentuale al 5% nei prossimi tre anni.

I nuovi obiettivi verranno messi in atto durante l’estate, una volta che le province e i territori avranno avuto l’opportunità di fornire un feedback sulla questione.

Tuttavia, l’economista del lavoro Mikal Skuterud ritiene che non dovrebbero essere considerati isolatamente.

“Non possiamo farlo. Dobbiamo guardare al quadro complessivo”, dice l’economista dell’Università di Waterloo in Ontario.

Skuterud è stato uno dei primi ad avvertire il governo federale che il massiccio aumento del numero di persone che emigrano temporaneamente in Canada per lavoro o studio dovrebbe essere moderato.

Il ministro Miller ha annunciato la sua intenzione di ridurre il numero di studenti internazionali limitando le nuove ammissioni per due anni a gennaio.

Ottawa sta anche cercando di accelerare il trattamento delle domande di asilo. Nel recente bilancio federale, i liberali hanno incluso anche misure legislative destinate ad accelerare il processo di sfratto quando queste richieste vengono respinte.

L’ultima e più grande categoria che non è stata ancora affrontata è quella dei titolari di permessi di lavoro temporanei. Miller ha già sostenuto in precedenza che si tratta di una forza lavoro da cui il mercato del lavoro è diventato dipendente negli ultimi anni.

Nel 2018 i titolari di visto per lavoro temporaneo erano 337.460. Nel 2022, questo numero è aumentato a 605.851.

Skuterud attribuisce l’aumento alle modifiche ai criteri di residenza permanente, progettati per affrontare specifiche carenze di manodopera. Questi cambiamenti hanno incoraggiato i lavoratori meno qualificati a venire temporaneamente in Canada nella speranza di ottenere la residenza permanente.

“Questo è ciò che attrae molte persone e crea questo problema per la popolazione (residente non permanente)”, ha spiegato.

Skuterud ritiene che il problema potrebbe essere invertito creando un percorso più prevedibile verso la residenza permanente per i nuovi arrivati.

Meno visti

Una priorità chiave per i ministri sarà quella di negoziare come concedere meno visti temporanei, su cui ora fanno affidamento i datori di lavoro.

In ogni caso, l’aggiustamento della rotta comporterà alcune complicazioni.

In Manitoba, ad esempio, gli annunci di Ottawa sulla riduzione dell’immigrazione temporanea hanno innescato un massiccio aumento delle domande per il programma di nomina di residenza permanente.

All’inizio di questa settimana, il ministro Miller ha accolto la richiesta del Manitoba di estendere i permessi di lavoro federali a circa 6.700 nuovi arrivati ​​i cui visti scadevano entro la fine dell’anno, per dare loro il tempo di presentare domanda di residenza permanente in Canada.

Il nuovo obiettivo relativo ai visti temporanei rallenterà inoltre significativamente la crescita della popolazione.

Sebbene ciò possa allentare alcune pressioni sui costi e sulla disponibilità degli alloggi, potrebbe anche portare a carenze di manodopera, ha osservato il direttore esecutivo dell’economia della CIBC Andrew Grantham in un rapporto pubblicato ad aprile.

“Le restrizioni alla crescita della popolazione potrebbero costringere le aziende a offrire salari più alti per incoraggiare le persone a restare o ad unirsi alla forza lavoro. Potremmo perdere alcune imprese che semplicemente non sono redditizie se non fossero in grado di assumere lavoratori stranieri meno costosi”, ha scritto Grantham.

Si prevede che le esigenze di manodopera di ciascuna provincia giocheranno un ruolo importante nelle discussioni di venerdì. I nuovi obiettivi per i visti temporanei saranno pubblicati in autunno.

-

PREV una rinnovata convenzione a tutela degli arbitri
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News