Hélène de Bock, ambasciatrice del Belgio in Senegal, sulle nomine per i visti Schengen: “Stiamo adottando tutta una serie di misure per cercare di regolamentare l’intervento degli attori intermediari”

Hélène de Bock, ambasciatrice del Belgio in Senegal, sulle nomine per i visti Schengen: “Stiamo adottando tutta una serie di misure per cercare di regolamentare l’intervento degli attori intermediari”
Hélène de Bock, ambasciatrice del Belgio in Senegal, sulle nomine per i visti Schengen: “Stiamo adottando tutta una serie di misure per cercare di regolamentare l’intervento degli attori intermediari”
-

È diventato difficile o addirittura impossibile per i senegalesi che desiderano recarsi in Europa fissare un appuntamento per il colloquio per il visto, senza pagare una grossa somma di denaro. I giornalisti hanno interrogato i diplomatici europei sulla questione, durante una conferenza stampa tenutasi a margine della Giornata dell’Europa, celebrata mercoledì 8 maggio 2024. In risposta alla domanda, l’ambasciatrice belga, Hélène De Bock, ha dichiarato: “noi siamo consapevoli e siamo molto consapevoli delle difficoltà che esistono per ottenere un appuntamento. Ci sono due cose che devono essere distinte. È necessario distinguere la questione della presa dell’appuntamento che avviene (tramite) un operatore esterno e la gestione delle pratiche».

Inoltre l’ambasciatore annuncia misure per risolvere la questione degli intermediari. “Stiamo adottando tutta una serie di misure per cercare di regolamentare l’intervento degli intermediari, le farmacie”. Hélène De Bock ha aggiunto, “siamo messi in difficoltà dall’intervento di questi attori perché non abbiamo alcun rapporto con loro; ma che depositano pratiche o che monopolizzano e acquisiscono appuntamenti per le regolari richieste di visto e quindi si sostituiscono ai normali richiedenti».

L’ambasciatore ha osservato: “Siamo in contatto con le autorità senegalesi. Sconsigliamo vivamente di rivolgersi a farmacie e terze parti per richiedere i visti. È un’enorme ingiustizia creare un business attorno a queste nomine. A causa della monopolizzazione di queste nomine i termini per fissare le nomine durano talvolta più di due mesi.“.

Per quanto riguarda il rilascio dei documenti di viaggio, afferma quanto segue “Sono quasi 30mila i nuovi permessi di soggiorno rilasciati dagli Stati membri dell’Unione europea a cittadini senegalesi” E “questo è più dei tre anni precedenti; ma è meno che nel 2023”. Allo stesso modo, ogni anno, dice, “I servizi consolari dell’area Schengen hanno rilasciato 30mila visti per soggiorni di breve durata a cittadini senegalesi”.

Per l’ambasciatrice francese, Christine Fages, “il consolato generale francese ha trattato 43mila pratiche nel 2022 e 46mila nel 2023. Due terzi per visti Schengen per soggiorni di breve durata e un terzo per visti per soggiorni di lunga durata. Il tasso di accettazione per i visti per soggiorni di breve durata è superiore al 62% e il tempo di elaborazione per i visti per soggiorni di breve durata è di due settimane, scadenze normative“. Il diplomatico francese ha aggiunto: “Nel 2023 abbiamo rilasciato un numero record di 5.300 visti studenteschi. Il numero di studenti senegalesi in Francia è aumentato del 62% in 5 anni. Costituiscono la quinta comunità studentesca straniera“.

FATOU NDIAYE

#Senegal

-

PREV Perché questa settimana gli elicotteri sorvoleranno Parigi “da 4 a 5 volte” al giorno
NEXT l’ideatore della fiamma olimpica ha visitato Celles-sur-Belle prima della fiamma