Lavoratori stranieri: una fabbrica nella penisola acadiana rischia severe sanzioni

-

L’impianto di lavorazione delle aragoste Pêcheries LeBreton di Grande-Anse, nel New Brunswick, ha ricevuto una nuova multa. Questa volta ammonta a più di $ 360.000. La società è stata ritenuta non conforme da Immigration Canada e non è più autorizzata ad assumere lavoratori stranieri temporanei (TFW) per due anni.

Questa è la seconda volta che l’azienda viene presa di mira dal governo federale. L’ultima volta, nel giugno 2023, Pêcheries LeBreton et fils hanno dovuto pagare 30.000 dollari a Employment and Social Development Canada.

Ottawa ha stabilito che la società non aveva adempiuto ai suoi obblighi di fornire un posto di lavoro esente da abusi ai suoi dipendenti stranieri temporanei. Una multa che i dirigenti della fabbrica dichiarano di aver pagato.

Questa volta, il 15 aprile, l’Immigration, Refugees and Citizenship Canada (IRCC) ha inserito Pêcheries LeBreton et fils nell’elenco dei datori di lavoro non conformi. Questa classificazione comporta una multa di 365.750 dollari e un divieto di due anni di assumere lavoratori stranieri temporanei attraverso programmi federali.

L’IRCC fornisce cinque ragioni per giustificare la sua decisione. In particolare l’immigrazione evidenzia ragioni simili a quelle che hanno spinto il governo federale a penalizzarli per la prima volta.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Les Pêcheries LeBreton et fils non potranno più assumere lavoratori temporanei stranieri attraverso programmi federali per due anni. (Foto d’archivio)

Foto: Radio-Canada / Isabelle Larose

Il datore di lavoro non ha compiuto sforzi sufficienti per garantire che il luogo di lavoro fosse esente da: maltrattamenti; violenza sessuale; violenza psicologica; sfruttamento finanziario; di ritorsione.

Una citazione da Immigrazione, rifugiati e cittadinanza canadese

L’IRCC lo indica anche lo stipendio e le condizioni di lavoro non corrispondevano o superavano quanto indicato nell’offerta di lavoro oppure il lavoro non corrispondeva a quanto indicato nell’offerta di lavoro.

La sanzione contro Pêcheries LeBreton et fils è la più severa inflitta a un datore di lavoro straniero temporaneo nel New Brunswick dalla prima sanzione emessa nel 2015, con l’entrata in vigore di nuove disposizioni normative.

Serge Cormier ritiene che alcune accuse siano discutibili

I proprietari di Pêcheries LeBreton et fils hanno rifiutato la nostra richiesta di intervista. Tuttavia, essi dichiarano di considerare questi reati del tutto ingiustificati e irragionevoli. Affermano di stare valutando le loro opzioni legali.

Il deputato dell’Acadie-Bathurst Serge Cormier afferma che la società ha contattato il suo ufficio chiedendo aiuto con il processo diversi mesi fa. Da allora l’azienda ha inviato centinaia di pagine per cercare di conformarsi alle normative.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Serge Cormier, deputato federale liberale per la corsa di Acadie-Bathurst.

Foto: Radio-Canada / Nicolas Steinbach

Secondo il deputato alcune accuse sono discutibili. Il deputato liberale ritiene che l’impianto di trasformazione sia stato trasparente in questa materia e riconosce che il processo può essere complesso e burocratico.

Con le informazioni in mio possesso e ciò che ho visto dal dossier, penso che alcune delle sanzioni avrebbero forse potuto essere evitate se ci fosse stata una migliore comunicazione da parte dei funzionari e del governoritiene Serge Cormier.

Il membro afferma tuttavia che le accuse sono molto gravi e che spetterà alle Pêcheries LeBreton dimostrare attraverso un procedimento legale se sono fondate.

Né l’Unione dei pescatori marittimi né l’Associazione dei trasformatori di aragoste hanno voluto commentare la questione.

Secondo un rapporto di Nicolas Steinbach

-

PREV La Germania aumenta la controversa sovrattassa sul gas – Euractiv FR
NEXT Bessan – Il corso inferiore dell’Hérault, un sito naturale notevole di cui Bessan fa parte