Il club è sull’orlo del collasso, i tifosi invadono il campo di allenamento

Il club è sull’orlo del collasso, i tifosi invadono il campo di allenamento
Il club è sull’orlo del collasso, i tifosi invadono il campo di allenamento
-

Dopo una serie di cinque sconfitte, il Lorient si trova in un preoccupante 17° posto quando arriverà il momento di sfidare l’RC Lens venerdì (21:00). Giovedì mattina, infuriati, una quarantina di ultras “Hakes” hanno interrotto l’allenamento.

Se il destino del Lorientais non fosse segnato questo venerdì in caso di sconfitta in casa del Lens (21:00), il futuro del Merlus in Ligue 1 sarebbe ancora appeso a un filo. Secondo il tecnico Régis Le Bris, probabilmente serviranno sei punti su nove per superare questa prova, a cominciare da due trasferte a Lens e Marsiglia prima di ospitare il Clermont. In caso di fallimento di questa missione, non c’è dubbio che tra i Merlus la parola fiasco non sarà abusata.

Le Bris, se ha ammesso giovedì a mezzogiorno in conferenza stampa che alla fine del 2023 ha pensato a volte che sarebbe stato molto difficile invertire la situazione, ha mantenuto la fede osservando da gennaio “la voglia di fare bene” dei suoi gruppo. “Siamo già in Ligue 2 con i punti che abbiamo, non abbiamo più nulla da perdere. L’elemento chiave forse è lasciare andare per riuscire a fare il cambio”.

Prima della partita persa 1-2 contro il Tolosa domenica, il presidente Loïc Féry ha invitato i giocatori a ricordare che nella loro carriera erano già riusciti a ribaltare situazioni che sembravano andare male. A sostegno di ciò, poche ore prima della trasferta al Lens, l’account X del club ha pubblicato un video roboante con la didascalia: “Perché la nostra storia è fatta di inversioni”. Ma per riuscire nella sua missione di salvataggio, gli abitanti di Lorient dovranno indossare il blu del riscaldamento più che inviare violini.

La peggiore difesa della L1 gioca il suo futuro contro gli Europei

Con 61 gol subiti, 10 in più di Metz e Lione, il Lorient guida la classifica delle peggiori difese della Ligue 1. Un titolo che sicuramente non dovremo difendere al Bollaert questo venerdì e al Vélodrome tra dieci giorni contro due squadre 6a e 6a. 7° in classifica e che sono alla ricerca degli ultimi posti europei. Sulla panchina vicina, Le Bris ritroverà l’amico Franck Haise del Lens che potrebbe prendere il posto del carnefice di Merlus in caso di vittoria. Uno scenario difficile da immaginare un anno e mezzo fa, quando i due erano con la loro squadra sul podio della Ligue 1.

Se il Sang et Or si è aggrappato al sogno della Champions League, i Tangos si sono lentamente svitati. In questi 18 mesi la classifica è andata in rosso mentre i conti sono diventati verdi con le vendite record di Terem Moffi, Dango Ouattara ed Enzo Le Fée per 65 milioni di euro. Un bilancio positivo che ha permesso al club del presidente Féry di presentare l’ottavo bilancio stagionale della Ligue 1. Quattro anni dopo il ritorno in Ligue 1, l’uomo alla guida del club per 15 anni non immaginava uno scenario del genere. “Quando abbiamo più di 80 milioni di euro di budget e investiamo più di 80 milioni di euro in trasferimenti in un anno e mezzo, non ce lo aspettiamo, ma il calcio non è solo una storia di numeri, è anche per questo che lo amiamo. “

I tifosi invadono il campo di allenamento

Ai tifosi sicuramente non piacerà lo scherzo se la dirittura d’arrivo del campionato trascinerà la loro squadra del cuore verso il fosso della Lega 2. Insorti contro il loro presidente dall’arrivo nell’azionariato del club di Bill Foley proprietario del Bournemouth, una quarantina di soci i “Merlus ultras”, secondo Ouest-France, avrebbero interrotto l’allenamento giovedì mattina prima di partire per qualche minuto per Lens.

Al termine della sconfitta contro il Tolosa, avevano già insultato i giocatori e in particolare il capitano Laurent Abergel, che voleva parlare con loro mentre “Le Dimissioni Le Bris” scendeva dalle campate del Moustoir. In mezzo a questa situazione caotica, è difficile dimenticare che un anno fa Le Bris chiese al suo presidente di aprire le porte ad una possibile partenza dovuta, secondo lui, ad alcune disfunzioni. Rafforzato nel ruolo di dirigente, uomo forte del club, la sua responsabilità sarà necessariamente impegnata in caso di declino del club.

Se la settimana scorsa il suo presidente avesse spiegato ancora una volta riguardo al futuro del suo allenatore che questi “non è un grilletto” il poligono di tiro potrebbe riaprire nelle prossime settimane.

Articoli principali

-

PREV per paura degli esami, uno studente delle scuole superiori invia 18 email con minacce di bombe
NEXT PROMEMORIA – Telefilm Canada vi invia il BANDO PER LE ISCRIZIONI per The Gotham Week 2024 – Project Market