dirottati una quarantina di voli per Roissy e Orly, colpiti i vigneti dell’Yonne

dirottati una quarantina di voli per Roissy e Orly, colpiti i vigneti dell’Yonne
dirottati una quarantina di voli per Roissy e Orly, colpiti i vigneti dell’Yonne
-

Violenti temporali accompagnati da grandine e forti piogge hanno colpito mercoledì sera l’Île-de-France prima di attenuarsi durante la notte, indica Météo-France, che ha revocato l’allerta arancione “temporali” e “pioggia” in tutti i dipartimenti interessati.

“I temporali sono evacuati nella Manica, verso l’Inghilterra. Qualche pioggia, ora più debole, persiste ancora un po’ nei dipartimenti che si affacciano sulla Manica, ma non giustifica più la vigilanza arancione”, ha indicato l’agenzia meteorologica nel suo ultimo bollettino pubblicato giovedì. Il Calvados resta tuttavia in allerta arancione “alluvione” a causa del significativo aumento delle acque previsto nel bacino di Touques.

Una decina di aerei furono dirottati

Mercoledì sera è stato necessario dirottare una quarantina di voli verso gli aeroporti di Parigi, ha riferito giovedì il responsabile dell’impianto, che ha subito anche infiltrazioni d’acqua. “Nel pieno dei periodi tempestosi, tra le 21:30 e le 22:30, la navigazione aerea ha deviato i voli che, per motivi di sicurezza, non potevano atterrare”, ha detto un portavoce del gruppo ADP.

Si tratta di “una trentina di voli” a Parigi-Orly, a sud della capitale, e una decina a Roissy-Charles-de-Gaulle, nel nord-est dell’area metropolitana di Parigi. Gli aerei sono atterrati, tra gli altri, a Nantes, Lione, Bruxelles e Liegi in Belgio, ha spiegato.

Da parte sua, la Direzione generale dell’aviazione civile ha sottolineato di aver prolungato eccezionalmente il coprifuoco a Orly dalle 23,30 a mezzanotte, per consentire l’atterraggio degli aerei ancora in volo. Giovedì mattina la situazione è normale e i programmi di volo procedono come previsto, secondo l’ADP.

Localmente, tra le 20 e le 22, è caduta “l’equivalente di due settimane di pioggia nel mese di maggio, a nord-est di Parigi”, secondo la Météo Chaîne.

Come riportato da France Bleu, diversi episodi di grandine hanno interessato in particolare Seine-et-Marne, nella zona di Pontault, Roissy-en-Brie, Ozoir e Tournan prima di raggiungere Seine-Saint-Denis. Chicchi di grandine grandi come proiettili sono caduti sulla città di Tremblay-en-France.

Vigneti colpiti nell’Yonne

Violente grandinate si sono abbattute mercoledì sera anche a Chablis, nell’Yonne, un vigneto di fama internazionale, provocando danni “molto ingenti”.

Mercoledì sera, secondo Météo-France, la regione di Chablis è stata attraversata da due “supercelle produttrici di grandine”, che hanno fatto cadere in alcuni punti chicchi di grandine, a volte grandi come noci. “I danni sono piuttosto ingenti in alcuni villaggi”, precisa il vicepresidente dell’Associazione dei produttori di Chablis, Frédéric Gueguen.

“La grandine ha fatto a pezzi tutto. Ha devastato buona parte dell’intero vigneto”

“I tralci sulle viti sono ancora giovani e quindi fragili”, sottolinea questo viticoltore del Domaine Céline et Frédéric Gueguen, che non aveva ancora un’idea precisa dei possibili impatti sulle sue viti. “Non ci saranno molti Chablis quest’anno”, dice Arnaud Nahan, comproprietario del Domaine du Chardonnay, a Chablis.

-

PREV Senegal: governo maschile, democrazia oltraggiata
NEXT Giochi Olimpici 2024: Saint-Raphaël si trasforma in una città greca