Assegni familiari, bonus nascita, vecchiaia minima: si stringono le condizioni per beneficiare di questi aiuti, ecco cosa cambia

Assegni familiari, bonus nascita, vecchiaia minima: si stringono le condizioni per beneficiare di questi aiuti, ecco cosa cambia
Assegni familiari, bonus nascita, vecchiaia minima: si stringono le condizioni per beneficiare di questi aiuti, ecco cosa cambia
-

Ancora tre mesi per avere diritto agli assegni familiari.

Dal 2025, per beneficiare dell’aiuto familiare, è necessario risiedere in Francia.per più di nove mesi nel corso dell’anno solare del pagamento”, secondo un decreto pubblicato questa domenica 21 aprile sulla Gazzetta Ufficiale. IL “benefici familiari” sono una categoria che comprende in particolare il Assegni familiari e il bonus alla nascita di un figlio. Queste condizioni si applicano anche alla vecchiaia minima, secondo il testo.

Frode sociale

Per la maggior parte dell’assistenza sociale, la regola attualmente è quella di rimanere in Francia per almeno la metà dell’anno trascorso, ovvero sei mesi. Il governo ha annunciato nel 2023 l’intenzione di estendere questa scadenza a nove mesi, come parte di un vasto piano di lotta alla frode sociale. La misura non riguarda tuttavia alcuni aiuti, in particolare il Tutela sanitaria universale (Puma), erede della copertura sanitaria universale.

Come promemoria, il frode sociale raggiunto tra i 6 e gli 8 miliardi di euro all’anno in Francia, secondo un rapporto della Corte dei conti pubblicato il 24 maggio 2023. Sono apparse le prestazioni sociali (assegni familiari, APL, ecc.), pagate dai Fondi di ripartizione (CAF). come elemento centrale della presente relazione. Ad esempio, nel 2020, se la CAF stimava queste frodi in 300 milioni di euro, la Corte dei conti parlava di somme reali comprese tra 2,5 e 3,2 miliardi di euro.

-

PREV Meurthe-et-Moselle attende l’alluvione del Vezouze, niente più dipartimenti in allerta rossa – 18/05/2024 alle 22:53
NEXT Senegal: verso la riforma monetaria e una possibile uscita dal franco CFA