SOS Omofobia annuncia di sporgere denuncia contro Dora Moutot e Marguerite Stern per il loro libro

SOS Omofobia annuncia di sporgere denuncia contro Dora Moutot e Marguerite Stern per il loro libro
SOS Omofobia annuncia di sporgere denuncia contro Dora Moutot e Marguerite Stern per il loro libro
-

Pannello pubblicitario per il libro Transmania, di Dora Moutot e Marguerite Stern.
Immagine dello schermo

“La libertà di espressione non può giustificare l’odio contro le persone trans”, ha dichiarato l’associazione per giustificare la sua iniziativa. Il libro-inchiesta, che si concentra sugli “eccessi dell’ideologia transgender”, è in cima alle vendite online.

“La transfobia uccide”. È con questa frase accusatoria che SOS Omofobia annuncia» nell’opera “Transmania”, un’indagine su “gli eccessi dell’ideologia transgender”. “La libertà di espressione non può giustificare l’odio contro le persone trans”ha giustificato l’associazione.

Dopo questo annuncio, sono abbondati i commenti degli internauti sotto la pubblicazione che mettono in dubbio la rilevanza di questo gesto: “Citare i commenti problematici o odiosi? Dalla mia parte non ne ho notato nessuno.”, ha chiesto una prima persona. Quando qualcun altro si arrabbiava: “Che parole? Dove sono i commenti odiosi? Siete i nuovi fascisti! Non appena non andiamo per la tua strada dobbiamo censurare, mettere a tacere, ecc… e poi? Chi saranno i prossimi?”.

La crescente controversia, tuttavia, non è nuova. Pochi giorni prima, la città di Parigi, attraverso il suo primo deputato Emmanuel Grégoire, aveva già chiesto la rimozione degli annunci di questa inchiesta nelle strade della capitale. “La transfobia è un crimine. L’odio verso gli altri non ha posto nella nostra città. Parigi non è la vetrina di questo immondo odio”aveva affermato il braccio destro di Anne Hidalgo su X. Prima di aggiungere: “Contatterò JCDecaux per richiedere la rimozione di questa pubblicità”.

Secondo lui, il poster che include il sottotitolo “indagine sugli eccessi dell’ideologia transgender” Chi “si infiltra in tutte le sfere della società” lo è problematico. E questo, per vari motivi: “Perché è transfobico, cospirativo e soprattutto, come è possibile che questo manifesto sia stato autorizzato negli spazi pubblici, aggirando i controlli dell’agenzia pubblicitaria?”

“Attacco alla libertà di espressione”

In seguito a questi due annunci, l’attivista Dora Moutot ha reagito a X lanciando un appello diretto agli internauti: “Supportaci! Leggi il libro! Passatelo in giro! Difendici!”, ha incoraggiato. Rispondendo: “SOS Omofobia, associazione che ha ricevuto 147.300 euro dalla Città di Parigi e 204.950 dalla Delegazione Interministeriale (DILCRAH), usa I SOLDI DEI CONTRIBUENTI per attaccare me e Marguerite Stern per aver scritto il libro TRANSMANIA, che denuncia gli abusi dell'”ideologia trans” , si è scagliata. “Vogliono metterci a tacere con tutti i mezzi. Sono indirettamente la città di Parigi e il governo che quindi finanziano questo tipo di attacco contro la libertà di espressione e di informazione… Prendete nota, è molto grave e parlate di quello che sta succedendo”.

Dalla pubblicazione dell’opera, avvenuta l’11 aprile, gli autori hanno denunciato anche la proliferazione di video di “censura” sui social network. La maggior parte delle volte vediamo i lettori entrare nelle librerie e nascondere l’opera in questione per impedire ai clienti di trovarla e quindi acquistarla. Il sondaggio è comunque al top delle vendite on-line, ha esultato Dora Moutot. Sul sito di Amazon, “Transmania” è infatti la prima opera nella classifica di “ultimi nuovi libri”.

-

NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire