L’Italia di Belmondo | Il blog di Gilles Pudlowski

-

È definito come “ cuoco semplice di tutti i giorni » – anche se ci ha già regalato tanti bei libri e bellissime ricette. Ma Luana Belmondo oggi firma il suo ultimo lavoro al figlio maggiore Alessandro” chef confermato“, ha lavorato con Hélène Darroze al Connaught di Londra, che oggi lavora alla Caillebotte in 9 di Franck Baranger a Parigi. E ha deciso di interpretare qui il ruolo dell’iniziatore, del complice, del “ intermediario“-, come dicono gli anglosassoni. Il loro viaggio in Italia è come un ritorno alle origini: la Sicilia dei nonni di Jean-Paul Belmondo, il “nonno” di Alessandro, l’eroe diSenza fiato E Gignolo, la cui nonna era originaria di Cefalù, la Roma di Luana, Capalbio, il villaggio vacanze di famiglia, nel cuore della Maremma Toscana, finalmente la Venezia dei loro amori, dei loro amici: questa è la loro Italia. “ La Nostra Italia » indica il titolo perché si tratta infatti di un viaggio personale in lingua originale verso la terra dell’autenticità. Incontri con amici, chef, produttori, viticoltori, ricette squisite, foto splendide, piene di colore e di luce, firmate, per i reportage, da Fabien Ecochard, per le ricette e lo styling, da Géraldine Martens e Marion Chibrard -Burdy: ecco cosa ti aspetta lì. Con i segreti per avere successo cacio e pepe come a Roma, i bigoli con le acciughe, il risi e bici, zuppe contadine, polenta con mini gamberi di laguna (il “ schie“), frittelle di ricotta, papardelle al cinghialee (con cinghiale) come in Toscana. Questa cucina del cuore commuove, tocca, seduce, travolge. Questa è un’opera che fa venir voglia di mangiare con la famiglia e gli amici, di condividere, di immaginare grandi tavolate estive all’ombra. Questo è un libro di amore e amicizia.

-

PREV “la conoscenza di sé”, tema della seconda fiera del libro di Digne-les-Bains questo fine settimana
NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire