Un membro Niortais della giuria di Inter Book presieduta da Isabelle Huppert

Un membro Niortais della giuria di Inter Book presieduta da Isabelle Huppert
Un membro Niortais della giuria di Inter Book presieduta da Isabelle Huppert
-

Quel giorno stava lavorando e per caso tornò a casa per pranzo. Patrick Babayou si è sintonizzato su 13/14 di France Inter, la stazione “che ascolta fin da quando era piccolo”. E ha sentito il suo nome! È così che mercoledì 3 aprile 2024 ha appreso la notizia: era uno dei 24 ascoltatori selezionati tra 2.500 candidati provenienti da tutta la Francia per diventare giurati dell’Inter Book Prize.

“Sarai un uomo, figlio mio, se leggerai”

Questo 54enne di Niort, impiegato di banca, si riunirà per deliberare il 2 giugno alla Maison de la radio di Parigi con altri 23 lettori e Isabelle Huppert, presidente della 50e la modifica. Intimidito? «No, lo prendo come un incontro: fa parte dei legami che i libri creano tra le persone. »

L’Inter Book Prize ha il suo peso nella vita letteraria. E la sua influenza sulle vendite di libri. Quest’anno, un fornaio, un imbianchino, un pensionato, una persona in cerca di lavoro, un medico o anche un paesaggista dovranno decidere tra dieci romanzi in concorso.

Per candidarti devi dire in una lettera che tipo di lettori sei. Già nel 2023 Patrick Babayou aveva tentato la fortuna sotto forma di autofiction: “Era la mia volontà di lettore, immaginavo di lasciare i miei libri ai miei nipoti. » Lo ha fatto di nuovo nel 2024. Questa volta inviando un testo scritto sotto forma di denuncia ufficiale: “Denuncia per reato” per non essere stato selezionato l’anno precedente. Con la giusta dose di autoironia: “È anche un gioco.”

“I miei genitori erano lettori, nei miei ricordi d’infanzia ci sono sempre stati libri ovunque, è una costante, un patrimonio. Mia madre diceva un po’: “Sarai un uomo, figlio mio, se leggi. “Allo stesso tempo c’erano opere che dovevi aver letto, i classici, ma allo stesso tempo mi dicevano: non privarti di ciò che ti rende felice”dice Patrick Babayou.

Da Jules Verne a Carlos Ruiz Zafón

Da bambino ha sviluppato una passione per Jules Verne. Da adulto, gli piace variare i generi. Non cedere alla monomania. Con un’assiduità per la letteratura giapponese e l’opera dello spagnolo Carlos Ruiz Zafón, autore di L’ombra del vento. Il tipo di libro “che offriamo e poi invidiamo chi lo inizierà”.

Leggiamo da soli. Ma il libro è un ponte gettato verso gli altri, testimonia Patrick Babayou. Perché fa parlare, tra amici, sui social network: cosa stai leggendo? Ti è piaciuto? “Non sono necessariamente una persona che si avvicina alle persone, sono un po’ introversa, posso sembrare fredda. Il libro mi connette al mondo: è uno dei miei modi di essere al mondo. » Quando lavorava a Parigi, gli capitò di comprare un romanzo perché vide qualcuno che lo leggeva in metropolitana. E da fedele interista non manca la domenica Maschera e piuma. Sapendo per esperienza con quali critici si sente legato: “Se qualcuno dice di odiare un libro, mi viene subito voglia di comprarlo…”

In preparazione al 2 giugno si è comprato un piccolo quaderno a quadretti grandi. Dei dieci romanzi da mandar giù, gli restano sette. “Scrivo cose, estratti, graffio, per segnare la memoria. » Per così dire, il diario di bordo di questa divertente avventura. Da lasciare ai tuoi nipoti?

-

NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire