Elezioni presidenziali in Ciad: ufficialmente convalidata la vittoria del generale Déby

Elezioni presidenziali in Ciad: ufficialmente convalidata la vittoria del generale Déby
Elezioni presidenziali in Ciad: ufficialmente convalidata la vittoria del generale Déby
-

Quest’ultimo ha giocato un ruolo di pacificazione ammettendo che “non c’era più alcun ricorso legale” e ha invitato i suoi sostenitori a continuare la “lotta politica” “pacificamente”.

Le elezioni presidenziali del 6 maggio, il cui esito era scontato secondo molti osservatori, segnano la fine di una transizione militare iniziata il 20 aprile 2021 quando Mahamat Déby è stato proclamato capo dello Stato dall’esercito a capo del governo una giunta di 15 generali per sostituire suo padre.

Quest’ultimo, Idriss Déby Itno, era stato appena ucciso dai ribelli mentre si recava al fronte, dopo aver governato con pugno di ferro, per 30 anni, questo vasto Paese saheliano, tra i più poveri del mondo.

Mahamat Déby, 40 anni, è stato eletto con il 61% dei voti, secondo il Consiglio costituzionale.

Masra, anche lui 40enne, è stato uno dei più accaniti oppositori di Déby padre e figlio prima di essere nominato Primo Ministro della giunta da Mahamat quattro mesi fa. Secondo i risultati finali, è arrivato secondo alle elezioni presidenziali con il 18,54%.

Il suo partito Les Transformateurs aveva descritto l’elezione come una “mascherata” e Masra aveva presentato un ricorso per l’annullamento davanti al Consiglio costituzionale, che giovedì lo ha respinto.

“Con questa decisione del Consiglio costituzionale (…), non ci sono altre vie legali a livello nazionale”, ha ammesso Masra sulla sua pagina Facebook. “Vi chiedo di rimanere mobilitati rimanendo pacifici”, ha concluso l’economista.

Ora sorge la domanda se rimarrà Primo Ministro.

“Traditore”

L’opposizione ha definito Masra un “traditore” dopo aver firmato un “accordo di riconciliazione” con il generale Déby, che lo ha nominato primo ministro il 1° gennaio.

L’opposizione, che aveva chiesto il boicottaggio del “voto previsto” per “perpetuare una dinastia Déby”, aveva anche accusato Masra di candidarsi per dare “una patina democratica” al ballottaggio e poi continuare il suo tandem al potere con il partito giovane generale.

Ma l’economista Masra ha sorpreso tutti raccogliendo una folla considerevole durante la sua campagna elettorale, al punto da incoraggiarsi e dichiararsi capace di vincere, se non di spingere Déby al secondo turno.

Se i sostenitori di Masra protestassero in piazza contro la sua elezione, ciò potrebbe aprire la strada a violenze mortali, con manifestazioni di opposizione sistematicamente represse in questo paese segnato, fin dall’indipendenza dalla Francia nel 1960, da colpi di stato militari, regimi autoritari e regolari assalti di una moltitudine di ribellioni.

Mahamat Déby è stato nominato al momento del suo insediamento da parte dell’esercito nel 2021 da una comunità internazionale – la Francia in testa – pronta a condannare i golpisti in altre parti dell’Africa.

Parigi ha ancora mille soldati in Ciad, considerato un pilastro della lotta anti-jihadista nel Sahel, dopo che i soldati francesi sono stati espulsi da Mali, Burkina Faso e Niger.

Molti osservatori prevedevano che la sua elezione sarebbe stata una formalità, come per suo padre, eletto e rieletto sei volte dopo il colpo di stato del 1990.

Elezioni non “credibili”

In sintonia con l’opposizione, le ONG internazionali avevano espresso preoccupazione prima delle elezioni, come la Federazione internazionale dei diritti umani (FIDH), per un’elezione “né credibile, né libera, né democratica”, “in un contesto deleterio segnato da (.. .) la moltiplicazione delle violazioni dei diritti umani.

La giunta represse violentemente ogni opposizione, a volte anche nel sangue, ed eliminò dal voto i rivali più pericolosi del generale Déby.

Due mesi prima delle elezioni, Yaya Dillo, suo cugino e più accanito rivale per le elezioni presidenziali, è stato ucciso dai soldati durante l’assalto alla sede del suo partito. “Assassinato” con una “proiettile a bruciapelo in testa”, secondo il suo partito. Le ONG internazionali chiedono, finora invano, un’indagine indipendente sulla sua morte.

Il giorno delle elezioni, almeno 76 attivisti del partito di Masra sono stati arrestati e sono ancora incarcerati fino ad oggi. Sono perseguiti in particolare per “falsificazione e uso di falsificazione”, secondo la procura di N’Djamena, che li accusa di aver usurpato lo status di delegati del loro partito nei seggi elettorali.

Di Le360 Africa (con AFP)

16/05/2024 alle 20:12

-

PREV Justin Trudeau cauto sulla questione delle interferenze straniere al vertice del G7 | Inchiesta pubblica sulle interferenze straniere
NEXT 1 francese su 3 vuole la vittoria del Raggruppamento Nazionale, 1 su 4 del Nuovo Fronte Popolare