Il festival Bobital L’Armor di Sons vuole continuare ad essere green

Il festival Bobital L’Armor di Sons vuole continuare ad essere green
Il festival Bobital L’Armor di Sons vuole continuare ad essere green
-

“La nostra priorità è ridurre la nostra impronta di carbonio”. Elvis Denieul è membro della commissione per lo sviluppo sostenibile del Festival Bobital L’Armor di Sons sin dalla sua creazione cinque anni fa. Per l’edizione 2024, con l’arrivo della nuova sede, abbiamo dovuto mettere in discussione gli spazi naturali della pianura. “C’era una diagnosi. Ad esempio, sul sito c’è un piccolo stagno da preservare”. Una volta installato, i team hanno dovuto lavorare sulla riduzione dell’impronta di carbonio delle forniture, in particolare del cibo, tema forte di questa 14a edizione.

Lavoro delle formiche

Anche se gli organizzatori hanno già fatto molto in termini di sviluppo sostenibile, soprattutto presso i frequentatori del festival, con l’installazione di servizi igienici a secco, la trasformazione delle luci, meno plastica presente, ecobicchieri… L’associazione Bowidel lavora anche con le scuole superiori studenti per la raccolta differenziata ogni anno. “Ogni rifiuto viene differenziato uno per uno”, afferma Elvis Denieul. Un lavoro davvero certosino.

“Ma esistono leve per migliorare la località, in particolare nel trasporto dei frequentatori del festival e del cibo”, continua, sottolineando l’importanza del car pooling, ancora un po’ sottosfruttato dai frequentatori del festival. Quest’anno è stato offerto anche un minuto di consegna.

Miglioramenti già individuati

Per quanto riguarda la mobilità, Elvis Denieul, membro della commissione per lo sviluppo sostenibile, ha già alcune possibilità di miglioramento. Nel corso di questa 14a edizione, i frequentatori del festival hanno potuto approfittare del Bobi’train per raggiungere Bobital e i suoi negozi da Bourillet, dovrebbe essere rinnovato. “Perché sappiamo da dove veniamo”, ha affermato più volte Yoann Réhel, copresidente di Bowidel. Ciò che è meno visibile al pubblico, un corriere si reca sul posto per consegnare l’attrezzatura in bicicletta. Secondo gli organizzatori, ha pedalato tra i 30 ei 35 km al giorno.

Tra i desideri citati, rafforzamento della Dinamo (navette per i festivalieri), “car pooling e piste ciclabili. Per il primo anno abbiamo realizzato la segnaletica per le biciclette”, spiega Elvis Denieul. È in corso anche la considerazione per ulteriori bocage nei prossimi anni. “Abbiamo la volontà di farlo”, insiste il membro della commissione.

-

PREV È uno dei 10 film fantasy eroici da vedere nella vita: a 39 anni dalla sua uscita, rimane l’apice del genere – Cinema News
NEXT Il 53° Festival Musicale del Ciel si dirige a nord