Meryl Streep, ovvero il perfezionamento della perfezione

Meryl Streep, ovvero il perfezionamento della perfezione
Meryl Streep, ovvero il perfezionamento della perfezione
-

Quando è stato annunciato che Meryl Streep avrebbe ricevuto la Palma d’Oro onoraria a Cannes quest’anno, la maggioranza degli spettatori ha approvato in blocco, mentre la minoranza si è sorpresa che ciò non fosse già stato fatto. Attrice eccezionale, Meryl Streep ha infatti un talento incomparabile e una presenza unica. Nominata 21 volte all’Oscar, record assoluto, e vincitrice 3 volte, continua a stupire, ma anche a sorprendere, entrando nel suo cinquantesimo anno di carriera. Ritorno in un viaggio straordinario.

Mary Louise Streep è nata nel 1949 nel New Jersey. Dirigente di un’azienda farmaceutica, suo padre la soprannominò Meryl. Artista, sua madre l’ha incoraggiata a perseguire il suo sogno di diventare un’attrice. Naturalmente timida nella vita, la giovane ragazza prospera sul palco. Al Vassar College, poi alla Yale University, era già ammirato.

Da allora, quando viene menzionato il nome di Meryl Streep, i titoli si accalcano: Il cacciatore di cervi (Viaggio alla fine dell’inferno), Kramer contro Kramer (Kramer contro Kramer ; primo Oscar), La donna del tenente francese (L’amante del tenente francese), La scelta di Sophie (La scelta di Sophie ; secondo Oscar), Silkwood (Il mistero di Silkwood), Fuori dall’Africa (Ricordi dall’Africa), Cartoline dal confine (Buoni baci da Hollywood), Difendere la tua vita (Dopotutto è la mia morte), La morte diventa lei (La morte ti sta così bene), I ponti della contea di Madison (Sulla strada per Madison), Adattamento, Le ore (Ore), Il diavolo veste Prada (Il diavolo veste Prada), La signora di ferro (Donna di ferro ; terzo Oscar), Mamma mia!, Nel bosco (Nei boschi), Non guardare in alto (Non guardare in alto. Negazione cosmica)…

Cosa rende Meryl Streep così accattivante davanti alla telecamera? Come si manifestano i suoi doni? I collaboratori che hanno lavorato con lei lanciano idee…

In un documentario sulle riprese di Kramer contro Kramerdove Meryl Streep interpreta una donna che fa la straziante scelta di lasciare il marito e il figlio per il bene della propria salute mentale, il produttore Stanley R. Jaffe afferma:

“È lì, fin dalla prima inquadratura del film: Meryl ha il miglior volto cinematografico di sempre. Trasuda intrinsecamente un’intelligenza e una bontà a cui il pubblico risponde. »

direttore di La scelta di Sophiedove Meryl Streep sconvolge i panni di una sopravvissuta di un campo di concentramento perseguitata dal passato, Alan J. Pakula nota nel commento audio registrato per l’uscita in DVD del film:

“Non è affatto così che appare Meryl nella vita, o come si esprime del resto. Non ho mai assistito ad una simile trasformazione in un film. È fantastico. Quando parla in polacco è un’altra persona. E come il protagonista del film, anch’io mi sono innamorato di questa donna. »

Brillante e stimolante

Senza “innamorarsi” del tuo partner Cartoline dal confine, Shirley MacLaine ha una grande cotta per Meryl Streep. Scritta da Carrie Fisher sulla base del suo lavoro autobiografico, questa commedia drammatica racconta la tumultuosa relazione tra un’attrice tossicodipendente e la madre, una star alcolizzata. Nel suo libro Balla finché puoi (Balla finché c’è tempo), MacLaine ricorda una scena in macchina in cui il suo personaggio monologa senza lasciare che sua figlia dica una parola:

“Quando andai a vedere la scena il giorno dopo, Meryl, secondo me, mi aveva messo in ombra. È riuscita a trovare sfumature comiche che non sapevo nemmeno esistessero; sfumature perfettamente legittime in relazione al suo personaggio, alla scena e al suo equilibrio. Questa donna è brillante. Per la prima volta nella mia vita mi sono sentito declassato. »

Regista del film in questione, ma anche di Silkwood, Bruciore di stomaco (L’ustione) E Angeli in Americatutti con Meryl Streep, racconta Mike Nichols all’American Film Institute (AFI) durante un omaggio all’attrice:

“Meryl ha creato, sta creando e continuerà a creare una serie di personaggi unici, ognuno con un’anima […]. Quando appare un grande attore o attrice, cambia diverse generazioni, perché il comportamento umano viene ridefinito. Per i suoi colleghi, Meryl non è solo una forza vitale: la sua semplice presenza in scena moltiplica mille volte il loro talento. »

Oltre ai suoi colleghi, Meryl Streep ispira i registi, a volte letteralmente. Lo ammette, ad esempio, Greta Gerwig Reporter di Hollywood avendo trasposto nel suo adattamento del romanzo Piccole donne (Le quattro figlie del dottor March) una conversazione avuta con l’attrice.

“Quando ho iniziato a lavorare a questo progetto, Meryl aveva appena accettato di partecipare nel ruolo di zia March, perché adora il romanzo […]. Mi ha detto: “Questo è ciò che devi comunicare al pubblico sulla situazione delle donne in quel momento e sul fatto che non avevano diritti sui propri figli. Non è solo che non potevano votare, non è solo che praticamente non potevano lavorare. Non possedevano nulla. Se volessero lasciare un matrimonio, potrebbero andarsene, ma senza niente, nemmeno i loro figli. Questa è stata la decisione. Quindi ho preso quella parola parola per parola e l’ho messa in bocca al personaggio Florence [Pugh]. »

Riconoscere l’ovvio

Inutile dire che i critici ammirano altrettanto Meryl Streep. Certo, l’attrice ha i suoi detrattori (Pauline Kael la odiava oltre ogni immaginazione) e ha vissuto anche un breve periodo di crisi verso la fine degli anni ’80, quando divenne di moda trovare fastidioso il suo virtuosismo.

La sua costanza nella notevole qualità delle sue prestazioni, tuttavia, gli garantisce la longevità professionale e supera la malafede dei suoi detrattori. Fu durante questo periodo di critiche che Meryl Streep fu premiata per la prima volta a Cannes, quando vinse il premio come attrice per Un grido nel buio (Un grido nella notte), nel vero ruolo di Lindy Chamberlain, una donna australiana accusata ingiustamente di aver ucciso il suo bambino e contro la quale la popolazione locale si risentiva.

In questa occasione, il popolare critico Roger Ebert scrisse:

“Nel ruolo principale, alla Streep viene affidato un compito ingrato: mostrarci una donna che ha deliberatamente rifiutato di aprirsi e di farsi conoscere. Ci riesce e, naturalmente, ci sono momenti in cui ci sentiamo frustrati, perché non sappiamo cosa pensa o sente Lindy. Quindi iniziamo a odiare il personaggio… e quindi sappiamo come si sentiva la popolazione australiana in quel momento. La performance di Streep è rischiosa, ma magistrale. »

Va notato qui che, a differenza di molte star della sua statura, Meryl Streep non teme colonne sonore antipatiche, mettendosi al servizio del personaggio piuttosto che della propria gloria. Come la sua “intelligenza e bontà intrinseche”, il pubblico indubbiamente percepisce anche questa umiltà…

Per molti, Meryl Streep è semplicemente la più grande attrice vivente. Altri vanno oltre, come il suo partner Bruciore di stomaco e di Ironweed, Jack Nicholson, che, durante il suo discorso all’AFI, ha riassunto: “Lei è perfetta. » Tenendo questo presente, questa Palma d’Oro onoraria non costituisce tanto un ulteriore premio quanto un riconoscimento dell’ovvio.

François Lévesque è a Cannes su invito del festival e grazie al sostegno di Telefilm Canada.

Da vedere in video

-

PREV Relax in Francia per Roman Polanski denunciato per diffamazione
NEXT ‘Stiamo ancora aspettando’: Ryan Reynolds scherza sul nome del suo quarto figlio