Zona euro: il deficit cumulativo degli Stati membri è sceso al 3,6% nel 2023

Zona euro: il deficit cumulativo degli Stati membri è sceso al 3,6% nel 2023
Zona euro: il deficit cumulativo degli Stati membri è sceso al 3,6% nel 2023
-

LONDRA (Agefi-Dow Jones)–Il deficit cumulativo dei paesi della zona euro è diminuito nel 2023 rispetto ai massimi raggiunti durante la pandemia di Covid-19, nonostante l’aumento osservato in Francia e il livello ancora elevato registrato in Italia.

Secondo i dati pubblicati lunedì da Eurostat, l’agenzia europea di statistica, lo scorso anno il deficit pubblico dei 20 paesi membri della zona euro ha rappresentato il 3,6% del loro prodotto interno lordo (PIL), dopo il 3,7% nel 2022. Nel 2020, il deficit cumulativo dei paesi della zona euro ha raggiunto il 7%.

Il calo del deficit è in gran parte dovuto alla riduzione degli aiuti alle famiglie e alle imprese per far fronte ai costi energetici, che erano aumentati vertiginosamente nel 2022 in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia prima di diminuire lo scorso anno.

Allo stesso tempo, il debito pubblico cumulativo degli Stati della zona euro è sceso all’88,6% del Pil nel 2023, rispetto al 90,8% nel 2022.

Tuttavia, alcuni grandi paesi dell’Eurozona hanno continuato a contrarre prestiti massicci. Secondo Eurostat, il disavanzo pubblico della Francia è aumentato dal 4,8% del PIL nel 2022 al 5,5% nel 2023, mentre quello dell’Italia è sceso molto meno del previsto, dall’8,6% nel 2022 al 7,4% nel 2023.

In entrambi i casi, il deficit supera nettamente il limite del 3% fissato dalle regole di bilancio dell’Unione Europea, mentre anche il debito pubblico di questi due paesi supera ampiamente la soglia fissata.

In risposta al notevole superamento del disavanzo francese lo scorso anno, il governatore della Banca di Francia, François Villeroy de Galhau, ha invitato, nella sua lettera annuale al Presidente della Repubblica, pubblicata domenica, ad “una migliore efficienza dell’insieme dei sistemi centrali” , spesa locale e sociale».

“La ripresa del bilancio è essenziale innanzitutto per la Francia: è un’illusione mantenuta troppo a lungo sperare di risolvere la deriva della nostra spesa scommettendo solo su una futura accelerazione della crescita”, ha scritto François Villeroy de Galhau . “Ma tutta l’Europa deve anche ricreare margini per finanziare la spesa aggiuntiva necessaria (clima, difesa, invecchiamento) e la spesa futura che porti crescita potenziale (innovazione e istruzione)”, ha continuato.

La Commissione europea deciderà il mese prossimo se avviare procedure per disavanzo eccessivo nei confronti degli Stati che hanno superato il tetto del 3% del Pil.

-Paul Hannon, The Wall Street Journal

(Joshua Kirby ha contribuito a questo articolo)

(Versione francese e contributo Valérie Venck) ed: LBO

Agefi-Dow Jones Il newswire finanziario

Dow Jones Newswires

22 aprile 2024 05:38 ET (09:38 GMT)

-

NEXT Vaccino anti-Covid-19 – Vittima di infortuni ripetuti, un giocatore della Laval in “vagabondaggio medico” porta Pfizer in tribunale