Uno studio danese documenta un tasso significativo di trasmissione della SARS-CoV-2 attraverso il contatto casuale nei negozi al dettaglio – Réalités Biomédicales

Uno studio danese documenta un tasso significativo di trasmissione della SARS-CoV-2 attraverso il contatto casuale nei negozi al dettaglio – Réalités Biomédicales
Uno studio danese documenta un tasso significativo di trasmissione della SARS-CoV-2 attraverso il contatto casuale nei negozi al dettaglio – Réalités Biomédicales
-
Paulien Osse © Flickr

Guidato da ricercatori danesi e britannici, uno studio epidemiologico, dal disegno innovativo, ha evidenziato una significativa trasmissione del coronavirus SARS-CoV-2 attraverso il contatto casuale tra i clienti dei negozi al dettaglio.

Ad oggi, la maggior parte degli studi che valutano la trasmissione del virus che causa Covid-19 durante le interazioni sociali sono stati condotti nelle case familiari, nelle aule e nei luoghi di lavoro. Tuttavia, si sa poco sulla sua trasmissione nei luoghi pubblici.

Lo riferiscono ricercatori delle Università di Oxford e Copenaghen, in un articolo pubblicato il 23 aprile 2024 su Proceedings of the American Academy of Sciences (PNAS), i risultati di uno studio sulla trasmissione del Covid-19 attraverso il contatto casuale tra i clienti del supermercato e del negozio di alimentari. Gli autori non specificano se i clienti indossassero o meno una maschera.

Questi economisti hanno raccolto un’ampia serie di dati relativi ai pagamenti con carte bancarie nonché i risultati dei test di rilevamento del Covid-19. Questi ricercatori hanno poi analizzato i dati di pagamento, mostrando l’ora e il luogo esatti in cui ciascuna persona ha effettuato i propri acquisti. Ciò ha permesso di identificare i casi in cui una persona infetta ha effettuato un acquisto in un negozio e quindi di seguire la dinamica del contagio tra le persone che avevano effettuato acquisti nello stesso negozio più o meno nello stesso momento.

Niels Johannesen e i suoi colleghi hanno combinato i dati sulle transazioni bancarie di circa 630.000 clienti della Danske Bank, la più grande banca danese, e i risultati dei test Covid-19 detenuti dalle autorità sanitarie danesi.

L’incrocio di questi due dati è interessante in quanto, in Danimarca, gli acquisti nei negozi vengono effettuati tramite pagamento con carta bancaria in quasi il 90% dei casi e che i dati disponibili relativi alla rilevazione del SARS-CoV-2 (da parte PCR e test antigenici) riguarda circa l’80% di tutte le infezioni.

I ricercatori hanno identificato circa 126.000 persone il cui acquisto in negozio è stato effettuato in un periodo compreso tra 4 giorni prima e due giorni dopo una positività al test Covid-19. Sapendo che una persona infetta è generalmente contagiosa circa due giorni prima di manifestare i sintomi e rimane tale per almeno cinque giorni dopo, possiamo quindi stimare che questi individui fossero potenzialmente contagiosi quando si sono recati al negozio quel giorno.

La popolazione dello studio era composta da clienti che quel giorno hanno effettuato un acquisto con carta di credito entro cinque minuti da un cliente potenzialmente infetto. Questo campione comprendeva circa 328.000 individui potenzialmente esposti. Era composto anche da circa 340.000 individui considerati non esposti, perché avevano effettuato un acquisto tra i 16 e i 30 minuti prima che un soggetto potenzialmente contagioso si recasse in negozio.

I ricercatori hanno avuto cura di escludere dalla popolazione analizzata individui che avessero qualche legame sociale con un soggetto potenzialmente contagioso. Sono stati così esclusi i componenti dello stesso nucleo familiare (circa 2.200 persone), i colleghi di lavoro (circa 800 individui), i compagni di classe della stessa scuola (1.300 persone), nonché chiunque abbia effettuato un acquisto online con la tessera di un soggetto potenzialmente contagioso persona (circa 7.000 individui).

Questo studio quasi sperimentale ha confrontato i tassi di infezione dei clienti dello stesso negozio quando erano in contatto con un individuo infetto da SARS-CoV-2 quasi nello stesso periodo di tempo. Esempio: supponendo che una persona infetta abbia effettuato un acquisto alle 14:13, i ricercatori hanno confrontato i clienti che hanno effettuato un pagamento nello stesso negozio alle 14:15 (“soggetti considerati esposti”) con altri clienti che avevano completato la spesa all’1 :51 (“soggetti non esposti”). La differenza tra i tassi di infezione dei due gruppi ha permesso loro di dedurre la probabilità di trasmissione nel negozio dopo l’esposizione.

Il principale criterio di valutazione era un risultato positivo al test Covid tra D+3 e D+7, cioè durante il periodo in cui compaiono i sintomi dopo la contaminazione da SARS-CoV-2.

La loro analisi mostra una trasmissione significativa di Covid-19 tra i consumatori nei supermercati e nei negozi di alimentari. Nello specifico, un cliente che acquista entro meno di 5 minuti in prossimità di una persona infetta presenta un rischio significativo di sviluppare un’infezione tra il 3° e il 7° giorno dopo l’acquisto.

Questo tasso di trasmissione nei cinque giorni successivi al contatto casuale in un negozio è stato stimato pari allo 0,12%, sicuramente molto inferiore a quello solitamente riscontrato in caso di contaminazione tra membri dello stesso nucleo familiare e che, a sua volta, è compreso tra il 20% e il 20% 30%. Ciò detto, nonostante questo tasso basso, il contributo di questa modalità di trasmissione rimane quantitativamente significativo dato il numero significativo di esposizioni nei negozi. I ricercatori stimano che in media per ogni cliente infetto ce ne sono altri 30 che utilizzano la propria carta di credito entro cinque minuti, dieci volte di più rispetto al numero medio di persone che vivono in un nucleo familiare.

I ricercatori affermano che il tasso di trasmissione del SARS-CoV-2 è stato più alto (0,18%) quando è trascorso meno di un minuto tra l’acquisto di un cliente e l’acquisto dell’acquirente potenzialmente contagioso. Al contrario, la velocità di trasmissione è diminuita dello 0,08% quando sono trascorsi 10 minuti tra i pagamenti bancari di questi due clienti. Trascorso questo tempo, gli individui non sembravano essere stati esposti al virus. Infatti, la velocità di trasmissione è scesa allo 0,01% quando le transazioni sono avvenute a un intervallo compreso tra 11 e 15 minuti.

I dati mostrano anche che la stragrande maggioranza dei clienti esposti si trovava in prossimità di una singola persona potenzialmente contagiosa durante un intervallo di 10 minuti tra l’acquisto della carta di credito e quello della persona contagiosa.

I ricercatori hanno dimostrato che ogni individuo infetto trasmette la SARS-CoV-2 in media a circa 0,04 altre persone per contatto casuale nei supermercati e nei negozi di alimentari. Questo rischio di trasmissione è basso ma è ampiamente compensato dal fatto che un gran numero di persone vanno a fare acquisti regolarmente e che questa attività comporta contatti occasionali con un gran numero di persone. Per gli autori dello studio, questi risultati mostrano “che lo shopping contribuisce in modo sostanziale alla diffusione del virus nella società”.

Questo studio ha analizzato le velocità di trasmissione della SARS-CoV-2 durante quattro periodi diversi, ciascuno definito dalla variante maggioritaria. Risulta che la trasmissione virale era relativamente bassa con la variante originale, la variante Alpha e la variante Delta, ma che aumentava significativamente quando Omicron diventava la variante dominante, indipendentemente dalla stagione e dall’età dei soggetti contagiosi.

I ricercatori hanno infine stimato in che misura la trasmissione nei supermercati e nei negozi di alimentari contribuisce alla pandemia. Calcolarono la famosa R, il tasso di riproduzione. Ricordiamo che R rappresenta il numero medio di nuovi casi di una malattia che una singola persona infetta e contagiosa genererà in media in una popolazione. Se R è inferiore a 1, l’epidemia diminuisce, perché un paziente infetta in media meno di una persona.

I loro calcoli mostrano che il tasso riproduttivo stimato di tutti gli individui infetti nel loro ampio campione è appena inferiore a 0,04, con un notevole aumento da circa 0,02 a 0,06 all’arrivo della variante Omicron.

Pensaci la prossima volta che vai a fare shopping. Un motivo in più per indossare una maschera. Un FFP2 ovviamente.

Marc Gozlan (Seguimi su XFacebook, LinkedIn, Mastodonte, Cielo blue sul mio altro blog Il diabete in tutte le sue forme, dedicato alle mille e una sfaccettature del diabete – già 63 post).

Per saperne di più:

Johannesen N, Tang-Andersen Martinello A, Meyer BB, et al. Trasmissione sostanziale di SARS-CoV-2 attraverso contatti casuali nei negozi al dettaglio: prove da microdati amministrativi abbinati su pagamenti e test con carta. Proc Natl Acad Sci US A. 2024 Apr 23;121(17):e2317589121. doi:10.1073/pnas.2317589121

Atamer Balkan B, Chang Y, Sparnaaij M, et al. Le sfide multidimensionali del controllo della trasmissione del virus respiratorio negli spazi interni: approfondimenti dal collegamento di una simulazione pedonale microscopica e del modello di trasmissione SARS-CoV-2. PLoS Comput Biol. 2024 marzo 28;20(3):e1011956. doi: 10.1371/journal.pcbi.1011956

Ferretti L, Wymant C, Petrie J, et al. Misurazione digitale del rischio di trasmissione SARS-CoV-2 da 7 milioni di contatti. Natura. 2024 febbraio;626(7997):145-150. doi:10.1038/s41586-023-06952-2

L’app di tracciamento dei contatti Benzler J. prevede il rischio di trasmissione di SARS-CoV-2. Natura. 2024 febbraio;626(7997):42-43. doi:10.1038/d41586-023-04063-6

-

NEXT Vaccino anti-Covid-19 – Vittima di infortuni ripetuti, un giocatore della Laval in “vagabondaggio medico” porta Pfizer in tribunale