L’attività manifatturiera giapponese rallenta a giugno a causa dell’aumento dei costi, mostra il PMI

L’attività manifatturiera giapponese rallenta a giugno a causa dell’aumento dei costi, mostra il PMI
L’attività manifatturiera giapponese rallenta a giugno a causa dell’aumento dei costi, mostra il PMI
-

L’attività delle fabbriche giapponesi è aumentata per il secondo mese consecutivo a giugno, ma il ritmo di crescita è rallentato a causa del calo degli ordini e dell’intensificarsi della pressione sui costi, secondo un sondaggio condotto venerdì sulle fabbriche giapponesi.

Jibun Bank flash L’indice dei direttori degli acquisti (PMI) giapponese si è attestato a 50,1 a giugno, leggermente in calo rispetto a 50,4 di maggio, ma ancora al di sopra della soglia di 50,0 che separa la crescita dalla contrazione su base mensile.

“L’espansione del settore privato del Giappone si è fermata a metà anno”, ha affermato Jingyi Pan, direttore associato di economia presso S&P Global Market Intelligence, che ha compilato il sondaggio.

Ma la crescita della produzione manifatturiera lascia spazio all’ottimismo, ha aggiunto.

Il sottoindice chiave della produzione è aumentato a giugno per la prima volta da maggio 2023, ha mostrato l’indagine.

Tuttavia, l’indice dei nuovi ordini a giugno è diminuito rispetto al mese precedente.

La pressione sui margini delle aziende giapponesi è preoccupante, ha affermato Pan.

Le pressioni sui prezzi si sono rafforzate nel settore manifatturiero, con costi medi di input e prezzi di produzione che sono aumentati a un ritmo più rapido a giugno rispetto al mese precedente.

L’ottimismo dei produttori per i prossimi 12 mesi è aumentato nonostante il rallentamento dei nuovi ordini, ha dimostrato l’indagine.

L’attività del settore dei servizi è scesa a giugno per la prima volta in circa due anni, a causa della debolezza dei nuovi ordini.

Il PMI flash dei servizi della Jibun Bank si è contratto a 49,8 a giugno da 53,8 a maggio. L’indice si è contratto per la prima volta da agosto 2022.

I fornitori di servizi giapponesi hanno suggerito che la produzione era limitata a causa di vincoli di manodopera, sebbene abbiano continuato ad assumere personale.

Anche l’inflazione dei costi di produzione del settore è aumentata a giugno, ma le aziende hanno aumentato i costi medi al ritmo più lento in sette mesi per sostenere le vendite.

Il PMI composito flash giapponese della Jibun Bank, che combina l’attività del settore manifatturiero e dei servizi, è sceso a 50,0 a giugno da 52,6 di maggio.

La scorsa settimana, la Banca del Giappone ha deciso di iniziare a ridurre i massicci acquisti di obbligazioni e di svelare un piano dettagliato a luglio, compiendo un altro passo verso la riduzione del suo massiccio stimolo monetario. (Segnalazione di Kaori Kaneko; montaggio di Kim Coghill)

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori