Gli indici sono già tornati in vetta

Gli indici sono già tornati in vetta
Gli indici sono già tornati in vetta
-

Ieri in Europa gli scambi sono stati un po’ scarsi per un giovedì, a causa dell’accumulo di giorni festivi nel corso della settimana. Ciò non ha impedito che l’ottimismo confermasse il suo forte ritorno tra gli investitori, galvanizzati da… dinamiche economiche incerte.

Il 10 maggio potrebbe quindi segnare il sesto giorno consecutivo di rialzo nella maggior parte dei mercati azionari europei. Detto questo, il 10 maggio è soprattutto una data un po’ mitica, anche se chi ha meno di 20 anni, o anche 30, o anche più grandi, l’ha dimenticata. Sono le 43e anniversario dell’elezione dello zio. I bambini nati all’inizio di febbraio del 1982 potrebbero aver avuto genitori di sinistra (ho cercato una canzone sul 10 maggio per allietarvi la mattina, ma ricordo solo questa).

Ma scacciamo questo impulso nostalgico per ritornare a considerazioni di fondo. Gli indici borsistici si avvicinano nuovamente ai massimi storici, dopo aver digerito il piccolo air gap del mese di aprile. Va detto che il grande timore del mercato americano riguardo alla scomparsa di qualsiasi prospettiva di riduzione dei tassi di riferimento quest’anno è evaporato con l’accumulo di statistiche macroeconomiche deboli. Se conto dall’inizio del mese, più della metà degli indicatori considerati importanti pubblicati negli Stati Uniti hanno deluso. I due indicatori dell’ISM della dinamica dell’attività economica, quello dell’industria e quello dei servizi, sono entrati in zona di contrazione in aprile. Le tre componenti dell’occupazione di aprile (salario orario, tasso di disoccupazione e variazione del numero di posti di lavoro) hanno deluso. Ieri sono aumentate le richieste di disoccupazione settimanali. Questo pomeriggio dovremo prestare molta attenzione ai dati preliminari dell’indice di fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan. Il sacrosanto consumatore americano è ancora padrone della casa. Se restasse intrappolato nell’oscurità, le prospettive economiche rischierebbero di oscurarsi… il che non sarebbe necessariamente una cosa negativa nella mente di Wall Street. Troppi indicatori negativi = la Fed abbandonerà la sua posizione ferma = i tassi chiave potrebbero scendere = il denaro diventerà più economico in un orizzonte temporale prevedibile. Va tuttavia notato che la lettura divinatoria dei dati resta una scienza terribilmente imperfetta, poiché alcuni indicatori seri danno proiezioni divergenti. Pertanto, il modello di calcolo del PIL in tempo reale della Fed di Atlanta fornisce una proiezione di crescita del 4,2% negli Stati Uniti nel secondo trimestre del 2024 a un tasso annualizzato, in accelerazione rispetto alle stime della settimana precedente.

Ma nel breve termine, il mercato è tornato ad essere dell’umore giusto: “tutto ciò che non spinge la Fed a temere una ripresa dell’inflazione è positivo per le azioni”. I tre indici di Wall Street hanno chiuso in verde, con una buona performance del Dow Jones, che ha continuato il suo rialzo dello 0,85% avvicinandosi nuovamente alla soglia simbolica dei 40.000 punti, finora mai superata.

Anche in Europa i vertici sono sempre più vicini. Ieri gli indici hanno chiuso quasi tutti con vigorosi guadagni, con un’eccezione di cui parlerò poco dopo. I commenti relativamente calmi della Banca d’Inghilterra sull’andamento dei prezzi hanno rafforzato la previsione del mercato per un taglio dei tassi da parte della Banca Centrale Europea a giugno. La riunione decisionale sulla politica monetaria è fissata per il 6 giugno. In altre parole, potrebbe esserci un allentamento monetario da parte della BCE in meno di un mese. Ieri il brutto anatroccolo europeo si chiamava Bel20, con un ribasso alla chiusura dello 0,75%, in controtendenza rispetto agli altri indici. Ha subito le ripercussioni del calo delle sue due maggiori ponderazioni, UCB (-2%) ma soprattutto ArgenX (-5%). Il settore biotech è crollato dopo la pubblicazione di risultati piuttosto in linea, nonostante costi superiori alle attese, che non hanno spaventato troppo gli analisti.

Gli occidentali hanno difficoltà a posizionarsi nei confronti della Cina. Mentre Xi Jinping ha visitato Francia, Serbia e Ungheria questa settimana, Rishi Sunak è apparentemente bombardato dalle richieste di HSBC Holdings e Standard Chartered di ammorbidire la linea del governo nei confronti di Pechino. Nel frattempo, secondo quanto riferito, la Casa Bianca si starebbe preparando a sferrare un duro colpo contro le importazioni cinesi. Secondo fonti accreditate (nel giornalismo, fonti attendibili significa che la fuga di notizie è stata attentamente orchestrata), Joe Biden annuncerà la prossima settimana nuovi dazi doganali che colpiranno i settori cosiddetti “strategici”, in particolare i veicoli elettrici, i semiconduttori e le apparecchiature fotovoltaiche. All’inizio dell’anno, Washington ha avviato delle indagini dumping in altri settori, come la cantieristica navale o la logistica. Ciò non ha impedito al presidente americano di affermare più volte di non volere una guerra commerciale con la Cina. Il poker delle bugie continua quindi, soprattutto perché la politica crea sempre più interferenze con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali americane di novembre.

La Francia organizza il suo 7e Vertice sugli investimenti “Scegli la Francia”, con gli annunci attesi. L’anno scorso sono stati annunciati 28 progetti, per un valore di 13 miliardi di euro.

La settimana si è conclusa in positivo in Giappone, dove il Nikkei 225 ha guadagnato lo 0,4%. C’è un forte contrasto tra Hong Kong e la Cina continentale. Il primo ha guadagnato l’1,9%, sostenuto dalle voci di un’esenzione fiscale sui dividendi per i privati ​​che investono in un determinato contesto, mentre il secondo ha perso lo 0,2% a causa delle minacce di un rafforzamento delle tariffe doganali negli Stati Uniti. Corea del Sud, India, Taiwan e Australia hanno chiuso con una sessione settimanale finale positiva. Questa mattina si prevede (ancora) un rialzo dei mercati azionari europei.

Il CAC40 inizia la sessione in rialzo dello 0,5% a 8.234 punti. L’SMI è salito dello 0,5% a 11.666 punti. Il Bel20 è rimbalzato dello 0,6% a 4009 punti.

I principali dati economici di oggi

I dati mensili sul PIL nel Regno Unito saranno pubblicati alle 8:00, prima dell’indice di fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan negli Stati Uniti alle 16:00. Tutta l’agenda qui.

L’euro sale a 1.078 USD. L’oncia d’oro rimbalza a 2.351 dollari. Anche il petrolio, con il Brent del Mare del Nord a 84,33 dollari al barile e il light crude americano WTI a 79,46 dollari. Il rendimento del debito americano a 10 anni scende al 4,46%. Il Bitcoin viene scambiato a 62.900 dollari.

Le principali modifiche alle raccomandazioni

  • Ahold Delhaize: AlphaValue/Baader Europe mantiene la sua raccomandazione cumulativa con un obiettivo di prezzo aumentato da 34,10 a 34,40 EUR.
  • Amundi: Jefferies resta da acquistare con target di prezzo alzato da 71 a 80 euro.
  • Anheuser-Busch Inbev: Morgan Stanley mantiene la sua raccomandazione di sovrappeso e aumenta l’obiettivo di prezzo da 63,50 a 65 EUR. TD Cowen mantiene la sua raccomandazione d’acquisto con un obiettivo di prezzo aumentato da 60 a 63 EUR.
  • Antin Infrastructure Partners: Jefferies resta da acquistare con un target di prezzo ridotto da 19 a 18 euro.
  • Aperam: AlphaValue/Baader Europe mantiene la sua raccomandazione cumulativa con un obiettivo di prezzo ridotto da 33,50 a 29 EUR.
  • ArgenX: Goldman Sachs mantiene la sua raccomandazione di acquisto e aumenta l’obiettivo di prezzo da 438 a 449 EUR.
  • Axa: BNP Paribas Exane mantiene la sua raccomandazione di sovraperformance con un obiettivo di prezzo ridotto da 38,50 a 38 EUR.
  • Castellum: Barclays declassa da sovrappeso a sottopeso con un obiettivo di prezzo ridotto da 135 SEK a 110 SEK.
  • Deutsche Pfandbriefbank: Citi passa da vendita a neutrale con un obiettivo di prezzo aumentato da 3,60 EUR a 5 EUR.
  • Gruppo DWS: Jefferies passa dal buy al hold con un target di prezzo di 41 euro.
  • Equinor: Zacks passa da sottoperformante a neutrale con un obiettivo di prezzo aumentato da 23 a 30 USD.
  • Fluidra: JP Morgan passa da neutrale a sovrappesata con target di prezzo alzato da 22 a 24 euro.
  • Formycon: RBC Capital inizia a monitorare la sovraperformance con un obiettivo di prezzo di 63 EUR.
  • Icade: Goldman Sachs mantiene la sua raccomandazione neutrale con un obiettivo di prezzo aumentato da 27,60 a 27,70 EUR.
  • Gruppo KBC: Barclays mantiene la raccomandazione sulla ponderazione di mercato con un obiettivo di prezzo aumentato da 63 a 67 EUR.
  • Legrand: Citi passa dalla vendita all’acquisto con un obiettivo di prezzo aumentato da 85 euro a 125 euro.
  • Partners Group: Jefferies rimane da mantenere con un obiettivo di prezzo aumentato da 1050 a 1170 CHF.
  • Schneider Electric: Citigroup resta neutrale (mantenuto) con un obiettivo di prezzo aumentato da 210 a 235 euro.
  • Teleperformance: Goldman Sachs mantiene la sua raccomandazione neutrale con un obiettivo di prezzo aumentato da 114 a 130 EUR.

In Francia

Annunci importanti (e meno importanti).

  • Sanofi ha stipulato un accordo di licenza con Novavax per vendere un vaccino COVID-19 autonomo e sviluppare nuovi vaccini combinati influenza-COVID-19.
  • Moody’s ha migliorato l’outlook creditizio del rating Ba1 di Renault da “stabile” a “positivo”.
  • Le principali pubblicazioni della giornata: Viel… Il resto qui.

Nel grande mondo

Risultati aziendali (i commenti sono forniti in modo diretto e non pregiudicano l’evoluzione dei titoli, ad eccezione delle borse post-sessione negli Stati Uniti, che normalmente riflettono bene l’andamento)

  • Akamai crolla dell’11% dopo la chiusura del primo trimestre.
  • Enel aumenta gli utili del primo trimestre grazie alla forte produzione di energia rinnovabile.
  • Honda moltiplica per sei volte il suo utile operativo nel quarto trimestre.
  • International Consolidated Airlines supera le aspettative nel primo trimestre.
  • Mediobanca paga un acconto sul dividendo di 421 milioni di euro dopo risultati migliori delle attese.
  • Pirelli conferma le sue previsioni dopo che l’utile operativo del primo trimestre ha superato le stime.
  • Salvatore Ferragamo mostra un calo dei ricavi del 17% nel primo trimestre.

Annunci importanti (e meno importanti).

Dall’Europa

Dalle Americhe

  • T-Mobile US e Verizon Communications stanno negoziando l’acquisizione delle attività di US Cellular, uno degli ultimi grandi operatori mobili regionali americani.
  • Secondo Reuters, OpenAI prevede di annunciare un concorrente di Google Search lunedì.
  • La SEC indaga sulle dichiarazioni di Boeing sulle sue pratiche di sicurezza, riferisce Bloomberg
  • Calpers intende votare contro la rielezione dell’amministratore delegato di Exxon Mobil a presidente del consiglio di amministrazione, riferisce FT
  • Meta ha appena avuto sette sessioni consecutive di aumento, la prima in sei mesi.
  • Ford prevede di offrire veicoli a benzina e ibridi in Europa oltre il 2030.
  • Secondo Bloomberg, Apple utilizzerà i propri chip per rafforzare le proprie capacità di intelligenza artificiale. Inoltre il gruppo si scusa per la scarsa pubblicità dell’iPad Pro.
  • Le principali pubblicazioni della giornata : Enbridge, Suzano…

Dall’Asia Pacifico e oltre

Il resto del calendario delle pubblicazioni globali qui.

Letture

-

PREV stasera si volta una pagina di storia
NEXT RedBird IMI rileva All3Media, produttore di “Squid Game: The Challenge”