10/07 I prezzi dell’oro ristagnano mentre l’attenzione si sposta sull’inflazione statunitense

-

Prezzi dell’oro è rimasto stabile mercoledì, su cui gli investitori hanno concentrato la loro attenzione dati cruciali sull’inflazione statunitense che potrebbero influenzare le decisioni del Riserva federale per quanto riguarda i tassi di interesse.

Leggi anche: Il prezzo dell’oro è fortemente influenzato dalla politica francese e americana


Stabilità in attesa delle decisioni

L’oro spot è rimasto stabile a 2.365,09 dollari l’oncia alle 0040 GMT. Nel frattempo, i futures dell’oro statunitense sono saliti dello 0,2% a 2.372,60 dollari.

Oggi il prezzo di un grammo di oro 18 carati è stimato a 70,47 € (07/10/2024) (prezzi in continua evoluzione).

Dichiarazioni della Federal Reserve

Il presidente della Fed ha dichiarato al Congresso che l’inflazione ha mostrato segnali di miglioramento negli ultimi mesi. Dati migliori potrebbero giustificare politica monetaria più flessibile. Tuttavia, ha chiarito che non vuole inviare segnali specifici riguardo ai tempi delle future azioni sui tassi.

Previsioni e aspettative del trader

Secondo lo strumento FedWatch del Gruppo CME, 73% dei commercianti Credo che un taglio dei tassi potrebbe avvenire a settembre. L’attrattiva dei lingotti d’oro, un asset non redditizio, tende ad aumentare quando i tassi di interesse sono bassi.


Focus sull’indice dei prezzi al consumo

L’attenzione ora si rivolge ai dati daindice dei prezzi al consumo (CPI) previsto per giovedì. Le previsioni indicano un aumento dello 0,1% dei prezzi complessivi per il mese e un aumento dello 0,2% dei prezzi base. Su base annua, i guadagni sarebbero rispettivamente del 3,1% e del 3,4%.


La fiducia delle piccole imprese e il flusso di fondi

I dati di martedì hanno mostrato che la fiducia delle piccole imprese statunitensi è salita ai massimi di sei mesi a giugno, nonostante persistenti preoccupazioni sull’inflazione. Lo ha riferito anche il World Gold Council (WGC). fondi negoziati in borsa (ETF) L’oro fisico ha registrato il secondo mese consecutivo di afflussi a giugno, trainato principalmente dall’aumento delle partecipazioni in Europa e Asia.


Mercato dei metalli preziosi

L’argento spot è sceso dello 0,1% a 30,77 dollari. Il platino è salito dello 0,3% a 986,80 dollari, mentre il palladio è rimasto stabile a 980,49 dollari.


Iniziative del Guangzhou Futures Exchange

Il Guangzhou Futures Exchange ha annunciato l’intenzione di lanciare i primi contratti futures sul platino e palladio in Cina. Questa iniziativa mira a fornire a meccanismo nazionale di copertura dei prezzi per la seconda economia più grande del mondo.

-

PREV L’EIA prevede un divario di offerta nel mercato petrolifero globale il prossimo anno
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole