Madawaska perde uno dei suoi costruttori

Madawaska perde uno dei suoi costruttori
Madawaska perde uno dei suoi costruttori
-

La regione del Madawaska piange la partenza di uno dei suoi costruttori, Normand Carrier, morto l’8 luglio all’età di 86 anni.

In particolare, fu molto coinvolto all’interno della grande famiglia del Collège Saint-Louis-Maillet che oggi è l’Université de Moncton, campus di Edmundston. Frequentò lo stabilimento dal 1948, due anni dopo la sua fondazione.

Dopo aver conseguito una laurea in scienze: matematica, fisica e chimica, iniziò il suo primo lavoro come professore di matematica nel settembre 1967, quando il campus si chiamava Collège Saint-Louis.

Secondo un comunicato stampa dell’UMCE, è succeduto al primo vicerettore laico dell’istituzione, Marcel Sormany. Ha ricoperto la carica dal 1982 fino al suo pensionamento nel 1997.

Contribuì così alla crescita del campus di Edmundston, soprattutto per il suo ruolo cruciale nella creazione, nel 1985, di quella che sarebbe diventata l’attuale School of Forestry.

Il signor Carrier ha accumulato il maggior numero di anni come vicerettore (15 anni) del campus di Edmundston dalla sua fondazione nel 1946.

Normand Carrier è stato premiato anche per il suo coinvolgimento nella comunità. È stato in particolare membro del consiglio di amministrazione di Résidences Jodin, presidente di Resnet e presidente della Fondazione Saint-Louis-Maillet. È stato anche a capo del Comitato per l’adattamento della forza lavoro nell’Haut-Madawaska.

Ha ricevuto vari riconoscimenti durante la sua vita, tra cui un dottorato onorario dall’Università del Maine a Fort Kent, un certificato di riconoscimento da parte dei membri del Senato e della Camera dei rappresentanti dello stato del Maine, oltre ad essere inserito nella Edmundston Sports Hall of Fame.

Elogi da ogni parte ieri e oggi dopo l’annuncio della sua morte. L’ex sindaco di Edmundston, Cyrille Simard, ha parlato di Normand Carrier come di un amico, di un mentore e di un grande difensore della regione.

“Devo molto del mio modo di essere e di pensare a lui in tante circostanze. Alcune parole che escono dalla mia bocca sono echi dei suoi insegnamenti, della sua saggezza e, sì, anche del suo spirito combattivo. Ho avuto la possibilità di dimostrargli la mia gratitudine prima che se ne andasse e gli sono grato per questo”.

“Se era piccolo di dimensioni, era un gigante nella nostra vita collettiva e nella mia”.

Per il sindaco dell’Haut-Madawaska, Jean-Pierre Ouellet, Normand Carrier ha dedicato la sua vita a educare e ispirare gli altri.

“Normand aveva a cuore la sua comunità e il suo sviluppo economico. Era un pilastro della nostra comunità, sempre pronto a sostenere e incoraggiare gli altri. La sua passione e dedizione hanno lasciato un segno indelebile nei nostri cuori. Salutiamo un uomo che ha vissuto la sua vita con generosità e dedizione”.

-

PREV la sorella intenta un’azione legale per far riconoscere la responsabilità dello Stato
NEXT In Svezia il congedo parentale può essere condiviso con i nonni e questi francesi vorrebbero la stessa cosa da noi