questi bonus bancari che puoi ricevere

questi bonus bancari che puoi ricevere
questi bonus bancari che puoi ricevere
-

Tutti gli studenti dell’ultimo anno sono con il fiato sospeso in attesa dei risultati del diploma di maturità che cadrà lunedì 8 luglio. Prima dell’inizio delle vacanze, i diplomati potranno essere premiati da una manciata di banche che propongono offerte e bonus in caso di successo o di menzione al diploma di maturità.

Tra questi, il CIC rinnova anche quest’anno il suo “baccalaureato CIC”, un bonus riconosciuto agli studenti delle scuole superiori che hanno conseguito il diploma di maturità con lode. Pertanto, uno studente con un voto abbastanza buono riceverà 40€. In caso di menzione buona il bonus sarà di 80€, mentre per una menzione molto buona arriverà a 160€. I diplomati che hanno già un conto CIC hanno tempo fino al 30 settembre per compilare un modulo online.

Leggi anche: CARTA GEOGRAFICA. In che giorno e ora conosceremo i risultati del bac 2024?

Anche il Crédit Agricole è un sostenitore della borsa di studio al merito. Ciascuna banca regionale del gruppo attua la propria strategia commerciale, l’importo di questo bonus può quindi variare a seconda dell’ubicazione della vostra banca. I vari fondi non hanno ancora comunicato le cifre di queste offerte quest’anno, ma i bonus nel 2023 potrebbero variare da 50 euro per una menzione abbastanza buona a 250 euro per una menzione molto buona.

Premi indipendentemente dalla menzione

Per la Caisse d’Épargne e la Banque populaire, i due istituti del gruppo BPCE, le decisioni relative ai bonus vengono prese anche a livello territoriale. Alcune delle 39 Banche Popolari offrono un bonus di 50 euro a tutti i diplomati (con o senza lode). La Banque Populaire du Sud preferisce celebrare i laureati in senso lato. Possono beneficiare dei 50 euro offerti i diplomati (ma anche coloro che hanno conseguito un CAP, un BEP, un DUT, un BTS, una licenza, un master o anche un dottorato). Anche la banca SG (ex Société Générale) preferisce non tener conto di questo accenno e offre un bonus “aiuto” di 80 euro per tutti i diplomati che sono già clienti.

Altre banche hanno scelto di sospendere la distribuzione di questi bonus ai diplomati. È ad esempio il caso di LCL, il cui servizio stampa della filiale dell’Ile de France spiega che distribuire questi bonus solo ai titolari di maturità generale non è molto ” compreso “. Dopo aver interrotto questi bonus due anni fa, la banca preferisce ora proporre offerte che raggiungano un numero maggiore di giovani. Questo è anche il caso di BNP Paribas, che favorisce gli studenti dai 18 ai 24 anni offrendo loro 80 euro per ogni apertura di conto.

Tieni presente che alcune città, dipartimenti o regioni offrono premi aggiuntivi, che potrebbero integrare i bonus della tua banca.

Leggi anche: Scuola superiore: tuo figlio ha diritto a questa borsa di studio, che può arrivare a 1.000 euro all’anno?

Le banche e le “neobanche” online al 100% sembrano essere in gran parte assenti da questo panorama, anche se il loro successo è in crescita, e hanno fatto della strategia di assegnazione di bonus per acquisire nuovi clienti. “ Se le banche online non si rivolgono particolarmente ai giovani è perché guadagnano meno. Queste banche cercano maggiormente i clienti più anziani, con conti più grandi in gioco », spiega Michel Guillaud, presidente di France Conso Banque.

Le banche tradizionali, proponendo queste offerte rivolte ai giovani, scommettono sulla loro fedeltà”, che non siamo sicuri sia un vincitore ” Aggiunge.

Da un recente studio della società di consulenza Oliver Wyman dal titolo “La generazione Z e il comportamento finanziario” emerge che quasi il 30% dei giovani tra i 18 e i 26 anni ha cambiato o intende cambiare la propria banca principale nei prossimi mesi, rispetto al 17% delle altre generazioni.

*Condotto nel 2023 su più di 1.000 persone in Francia, di cui 501 di età compresa tra 18 e 26 anni

-

PREV Edycem affronta il problema delle emissioni di gas serra derivanti dai propri trasporti
NEXT Egitto, ministro dell’Energia: “Investiremo 1,2 miliardi di dollari per perforare nuovi pozzi”