questa nuova auto elettrica cinese impressiona

questa nuova auto elettrica cinese impressiona
questa nuova auto elettrica cinese impressiona
-

Leapmotor, marchio cinese ora sotto l’egida di Stellantis (gruppo formato da Peugeot, Citroën, Fiat, Opel, Jeep e altri), ha appena lanciato la C16, la sua nuova auto elettrica e ibrida. Questo modello conta sul suo generoso spazio interno e sul suo prezzo accessibile per convincere. Bonus: potrebbe arrivare in Europa.

Leapmotor C16 // Fonte: Leapmotor

Se abbiamo parlato molto di Leapmotor su Sovralimentato ultimamente, non è tanto per la sua gamma di auto elettriche e ibride quanto per l’arrivo di Stellantis come azionista, consentendo alla start-up cinese di accedere al mercato europeo.

Ciò non significa che Leapmotor stia riposando sugli allori. Dopo una presentazione nell’aprile 2024, ha appena lanciato il suo C16, un SUV familiare che conta sulla sua generosa abitabilità e sui suoi prezzi (molto) contenuti per sedurre.

Un’auto a sei posti

Un giro sul sito di Leapmotor ci permette di saperne di più su questa C16, che è solo una versione estesa della C10, già lanciata – un po’ come il duo Peugeot E-3008 & E-5008. Questa C16 misura quindi 4,92 m di lunghezza (compresi 2,83 m di passo) per 1,91 m di larghezza e 1,77 m di altezza e riprende lo stile abbastanza conservatore della sorella minore.

Dimensioni generose, che gli permettono di ospitare una terza fila di sedili, rendendo questo Leapmotor C16 un… sei posti, perché la panca posteriore è stata trasformata in due sedili indipendenti. Non è chiaramente prevista l’opzione da 5 o 7 posti.

Il cruscotto è ripreso dalla C10, con uno schermo centrale da 14,6 pollici con sistema operativo Leapmotor e un quadro strumenti da 10,25 pollici. I passeggeri posteriori avranno inoltre diritto a uno schermo retrattile da 15,6 pollici.

Due motori, prezzi interessanti

Questo Leapmotor C16 è disponibile in due motorizzazioni: una “range extender”, con un motore termico che funge da generatore per la batteria da 28,4 kWh (sufficiente per percorrere 134 km con la batteria secondo lo standard WLTP e 910 km con il pieno di 50 litri ) e 100% elettrico.

Leapmotor C16 // Fonte: Leapmotor

In questo caso, la batteria (tipo LFP) aumenta a 67,7 kWh, sufficienti per aumentare l’autonomia elettrica a 520 km… secondo lo standard cinese CLTC, più ottimista del nostro WLTP europeo – sarebbero tra 450 e 460 km in WLTP. Il tutto alimenta un motore elettrico posteriore da 292 CV (215 kW).

Notiamo ancora un’architettura a 800 volt, capace in teoria di ridurre i tempi di ricarica, anche se Leapmotor annuncia un punteggio abbastanza medio di 15 minuti per il 30-80% della batteria. Caratteristiche che non sono nulla di trascendentale, quindi, ma che questo Leapmotor C16 compensa con il suo prezzo. La versione elettrica parte da 161.800 yuan, ovvero circa 20.700 euro! La versione extender è ancora più conveniente a 155.800 yuan (circa 19.900 euro).

Un ipotetico arrivo in Europa

Prezzi interessanti che, uniti alla volontà di Stellantis di commercializzare i Leapmotors in Europa (i primi esemplari del piccolo T03 escono già dalle linee di uno stabilimento in Polonia), possono darci spunti. Bisogna però tenere presenti diversi punti.

Leapmotor C16 // Fonte: Leapmotor

Il primo è che i prezzi europei spesso non hanno nulla a che vedere con quelli praticati in Cina, anche se Leapmotor fa assemblare le sue auto elettriche in Europa. La seconda è che non è stato fatto alcun annuncio circa l’arrivo del C16 da noi. Leapmotor aveva presentato un piano di prodotto per l’Europa fino al 2027 e solo il C10 rientrava nella categoria dei SUV del segmento D.

Insomma, ancora un po’ di mistero per questa nuova vettura elettrica, che potrebbe competere a testa alta con la Peugeot E-5008, sua “nuova” cugina.


Vuoi entrare a far parte di una community di appassionati? Il nostro Discord ti dà il benvenuto, è un luogo di aiuto reciproco e passione per la tecnologia.

-

PREV cosa è successo agli attori della serie?
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole