Il rally post-elettorale è finito, il Cac 40 crolla a 7.500 punti, a seguire l’inflazione nell’Eurozona e il forum annuale della BCE

Il rally post-elettorale è finito, il Cac 40 crolla a 7.500 punti, a seguire l’inflazione nell’Eurozona e il forum annuale della BCE
Il rally post-elettorale è finito, il Cac 40 crolla a 7.500 punti, a seguire l’inflazione nell’Eurozona e il forum annuale della BCE
-

L’impennata della Borsa di Parigi in reazione ai risultati del primo turno delle elezioni legislative è già giunta al termine. Questo martedì intorno alle 9:15 l’indice Cac 40 è sceso dello 0,8% a 7.501,8 punti. Ieri ha guadagnato poco più dell’1%, con un picco del 2,8% durante la seduta. La vittoria del Raggruppamento Nazionale e dei suoi alleati con il 33,14% dei voti è certamente un record per l’estrema destra, ma gli investitori temevano un rialzo ancora più grande. onda di marea.

Non è assolutamente sicuro se il partito Frontista riuscirà a ottenere la maggioranza assoluta alla fine del secondo turno di domenica. Con il ritiro dei candidati della coalizione presidenziale e del Nuovo Fronte Popolare arrivato terzo (hanno tempo fino a 18 ore per farsi conoscere), alcuni collegi elettorali potrebbero sfuggire alle truppe di Marine Le Pen, il che rassicura un po’ sui mercati. Lo scenario meno peggiore sarebbe quello di un Parlamento senza maggioranza, di inerzia politica sinonimo di spese meno esplosive… ma anche di mancato progresso nel risanare la situazione di bilancio francese, già piuttosto fragile. “ Ci sono stati alcuni acquisti opportunistici, ma l’attività del mercato è guidata principalmente dai riacquisti di posizioni corte e dalla gestione degli indici, sostiene Thomas Helaine, del TP ICAP. L’interesse di vendita rimane predominante, circa tre volte superiore all’interesse di acquisto ».

Jerome Powell arriva a Sintra

L’agenda economica si amplia oggi con i dati sui prezzi al consumo nella zona euro alle 11.00. Si tratta di dati preliminari per il mese di giugno e l’indice è previsto in calo di 0,1 punti, al 2,5% su base annua e al 2,8% del sottostante. Sul fronte monetario, prosegue a Sintra, in Portogallo, il Forum annuale della Banca Centrale Europea (BCE). Jerome Powell, presidente della Federal Reserve americana, si unirà al collega della BCE in un dibattito alle 14:30. Nel suo discorso di apertura del simposio di ieri, Christine Lagarde ha ribadito che non ci sono ancora prove sufficienti che le minacce di inflazione siano scomparse, rafforzando la prospettiva di uno status quo alla riunione del 18 luglio.

Dall’altra parte dell’Atlantico l’attenzione sarà focalizzata sul rapporto Jolts sulle offerte di lavoro per il mese di maggio, presentato alle 16.00. L’indicatore, attentamente monitorato dalla Fed, dovrebbe contrarsi nuovamente. Il consenso di Bloomberg prevede 7,95 milioni di posti vacanti, rispetto agli 8,06 milioni del mese precedente.

Teleperformance: sopravvalutata la minaccia dell’IA, secondo gli analisti

Il gruppo della ristorazione collettiva Sodexo perde il 3,5% dopo aver annunciato un fatturato da marzo a maggio di 6,07 miliardi di euro, in crescita del 6,8% a perimetro e cambio costanti, in linea con le aspettative ma leggermente inferiore a quello degli analisti. previsioni.

Dal lato degli analisti, Morgan Stanley rivede il suo parere su Teleperformance (+3,9% in borsa) da “ponderazione online” a “sovrappeso”, sostenendo che i timori sulla minaccia dirompente che l’intelligenza artificiale rappresenta per lo specialista dei data center chiamano ‘ supera la realtà “. Deutsche Bank solleva Euronext da “hold” a “buy” e Stifel inizia a monitorare Engie con un’opinione di acquisto e un prezzo obiettivo di 18,20 euro. L’operatore di borsa si concede l’1%, mentre il fornitore di energia prende lo 0,8%.

Leggi anche:

Teleperformance, Euronext, Engie, Air France-KLM, EssilorLuxottica, Veolia, Sanofi, Eurofins Scientific, Saint-Gobain, Accor, Publicis, Air Liquide: tutti i consigli degli analisti

-

PREV Yukon: la produzione potrebbe non riprendere mai nella miniera Victoria Gold
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole