Incendi boschivi a Port-Cartier: una coppia evacua i suoi 24 husky in poche ore

-

Gli ultimi giorni non sono stati facili per una coppia proprietaria di cani da slitta di Port-Cartier, che giovedì ha dovuto evacuare con i suoi 24 husky in poche ore poiché le fiamme si stavano avvicinando pericolosamente al loro canile.

“Sono stato fortunato perché eravamo stati avvertiti di prepararci in anticipo perché c’erano buone probabilità che ciò accadesse. Avevamo forse tre ore in totale. Non so davvero cosa avremmo fatto se lo avessimo saputo un’ora prima, come tutti gli altri”, dice Camille Maltais.

Fortunatamente, lei e il suo compagno sono riusciti a trovare rapidamente una soluzione garantendo il benessere dei cani precedentemente ospitati nell’area di Chemin du Lac-Walker.

Hulk e Pixel | Credito: Nicolas St-Pierre

“Ho soggiornato qui con alcuni cani perché la nostra residenza non era nella zona evacuata. La mia compagna è a Ragueneau con l’altra parte dei cani che non potevamo tenere dentro, ma non è stato facile», ha spiegato.

Molto stress

La velocità con cui gli incendi si avvicinavano alla zona dove si trova il canile è stata una notevole fonte di stress per la coppia. Anche se non era la prima volta che sperimentava un incendio, era la prima volta che l’incendio era stato così vicino.

“Ci troviamo intrappolati tra due grandi incendi, quindi è decisamente preoccupante. […] All’inizio non credo che abbiamo dormito per 48 ore. Stavamo solo seguendo l’evoluzione degli incendi perché si stavano avvicinando velocemente e i nostri cani erano ancora lì”, spiega M.Me Maltese.


Foto del canile dove si trovavano i cani | Foto fornita da Camille Maltais

“Dovremo iniziare a prepararci sistematicamente ogni anno per la stagione degli incendi boschivi. “È una nuova realtà, così come ora dobbiamo prepararci sempre di più alle interruzioni di corrente in inverno”, ha aggiunto.

Solidarietà molto presente

A seguito di una richiesta di aiuto su Facebook, si è detta sorpresa, ma allo stesso tempo commossa dalla manifestazione di solidarietà da parte della popolazione che ha voluto sporcarsi le mani per garantire la sicurezza e il benessere dei compagni pelosi.

“Ho ricevuto davvero tantissime risposte. La gente voleva offrirmi molto materiale. Che si tratti di ciotole, guinzagli, collari o addirittura gabbie. Le persone sono state davvero generose”, afferma.

Ora dice di essere sollevata nel vedere revocato l’avviso di evacuazione anche se lo stato di emergenza è ancora mantenuto.

“Sono felice che possano tornare a casa sani e salvi e che nonostante tutto abbiamo evitato il peggio”, ha concluso la donna che martedì ha intenzione di riportare a casa i cani.

Hai qualche informazione da condividere con noi su questa storia?

Scrivici a o chiamaci direttamente al 1 800-63SCOOP.

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole