Elezioni presidenziali americane: l’aborto al centro del duello Trump-Biden

Elezioni presidenziali americane: l’aborto al centro del duello Trump-Biden
Elezioni presidenziali americane: l’aborto al centro del duello Trump-Biden
-

A due anni da una storica sentenza della Corte Suprema, l’aborto è emerso come tema essenziale nella sfida tra Donald Trump e Joe Biden, con semafori rossi per il campo repubblicano.

Joe Biden e Kamala Harris stanno capitalizzando su questa questione scottante.

ats

Il 24 giugno 2022, l’Alta Corte, notevolmente rivista dall’ex presidente, ha annullato la sentenza che garantiva il diritto federale degli americani all’aborto, dando a ogni Stato la libertà di legiferare sulla questione.

Lo stesso giorno, i primi stati hanno vietato l’interruzione di gravidanza sul loro territorio, costringendo le cliniche a chiudere d’urgenza o a trasferirsi in zone più accoglienti.

Il Paese è ormai fratturato tra una ventina di Stati che hanno decretato divieti o forti restrizioni, localizzati soprattutto al Sud e al Centro, e quelli costieri, che hanno adottato nuove protezioni.

La decisione del tempio americano della legge ha avuto profonde ripercussioni anche a livello politico: dopo la sentenza della Corte, i conservatori hanno perso quasi tutti i referendum o le votazioni che sollevavano la questione dell’aborto. E questo, anche negli stati che di solito sono in gran parte vinti da loro, come Ohio, Alabama o Kansas.

Negli ultimi due anni, “il movimento pro-aborto ha scoperto che gli americani tengono a questo diritto molto più di quanto si aspettassero”, osserva la professoressa Mary Ziegler dell’Università della California, Davis. “E così stanno cercando di approfittare di questa situazione attraverso iniziative elettorali”, spiega all’AFP.

Kamala Harris in prima linea

I democratici stanno capitalizzando su questa questione scottante, sperando di ottenere voti preziosi, in particolare tra le donne e i giovani, per le elezioni presidenziali di novembre.

Il presidente Joe Biden, un cattolico praticante da tempo cauto sulla questione, è diventato lui stesso un paladino del diritto all’aborto, cosa che gli è valsa il sostegno di diverse organizzazioni di pianificazione familiare nella sua campagna per un secondo mandato.

La sua compagna di corsa, Kamala Karris, la prima donna a diventare vicepresidente degli Stati Uniti, viaggia da mesi nel Paese per mobilitare i democratici sull’argomento. A metà marzo, la cinquantenne è diventata la prima vicepresidente a visitare una clinica che pratica aborti in Minnesota.

Lunedì sarà in Arizona. Questo stato dell’Ovest americano è uno di quelli che più probabilmente avrà un peso nelle elezioni presidenziali. Negli ultimi mesi è stato scosso da accesi dibattiti attorno a una legge del 1864 che vietava quasi tutti gli aborti, alla fine abrogata dal suo governatore democratico.

In tutto il Paese, i democratici hanno anche incoraggiato l’organizzazione di mini-referendum sull’aborto in diversi stati decisivi, in modo che possano svolgersi lo stesso giorno delle elezioni presidenziali.

La loro logica è semplice: i voti a favore dell’aborto potrebbero avvantaggiare molto Joe Biden e mobilitare gli elettori che altrimenti sarebbero stati tentati di snobbare il voto.

Trump volutamente ambiguo

I democratici sono sostenuti nel loro ragionamento da una moltitudine di sondaggi. Secondo un sondaggio d’opinione di Fox News pubblicato mercoledì, il 47% degli elettori ritiene che la questione dell’aborto sia “estremamente importante” nella decisione tra Joe Biden e Donald Trump.

Riguardo all’aborto, Donald Trump, che non perde occasione per sottolineare che è stato attraverso le sue nomine giudiziarie che la Corte Suprema ha compiuto la sua storica svolta, ora è volutamente ambiguo.

“Devi seguire la tua anima e la tua coscienza su questo tema, ma non dimenticare che devi anche vincere le elezioni”, ha detto in un video all’inizio di aprile.

Ad esempio, il candidato repubblicano non sta facendo campagna elettorale sulla promessa molto impopolare di vietare l’aborto in tutto il paese attraverso la legge federale, come vorrebbe la destra religiosa. “La cosa migliore che puoi fare se la tua posizione è impopolare… è non chiarirla”, afferma la professoressa Mary Ziegler.

Joe Biden, che mostra un livello di fiducia anemico, non esiterà sicuramente ad attaccare il suo avversario sulla questione durante il primo dibattito tra i due giovedì sera.

Stati Uniti: gli oppositori dell’aborto continuano la campagna elettorale

Un anno dopo la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha posto fine alla tutela del diritto all’aborto a livello federale, gli oppositori dell’aborto continuano a fare campagna in tutto il Paese per limitare o vietare la procedura.

22/06/2023

ATS

-

PREV Deciso a farsi rieleggere, Donald Trump lancia l’operazione di “de-demonizzazione”.
NEXT Spettacolare incidente d’autobus lascia tre feriti gravi in ​​Spagna