Christophe Dugarry: “Ad un certo punto dovremo punire. Forse questo gli farà capire che quello che sta facendo è insufficiente”

-

(Foto di Sergio Ruiz / Sipa USA) – Foto di Icon Sport

Su M6, l’ex attaccante dei Girondins de Bordeaux, consulente e commentatore durante gli Europei sul canale, Christophe Dugarryha spiegato che la possibilità diOusmane Dembelé, ora 27enne, era morto. Quindi secondo lui anche gli altri giocatori dovrebbero avere la loro chance contro la Polonia.

“Si candida Coman, anche Kolo Muani… Penso che ad un certo punto bisognerà sanzionare. Il calcio è anche una questione di efficienza. A me vanno bene gli squilibri, ma ci sono tanti sprechi… Il calcio non è solo squilibri, dribbling… Dopo un po’ devi riuscire a portare sul tavolo anche qualcos’altro. Ousmane Dembélé ha avuto la sua occasione, ci sono sostituti che battono i piedi. Dobbiamo dare una possibilità a tutti. Poi sì, è la sensibilità dell’allenatore, ma penso che ad un certo punto bisognerà punire passando un po’ di tempo in panchina, e forse per lui dopo sarà qualcosa di meglio. Forse questo gli farà capire che quello che sta facendo non è sufficiente. Deve essere in grado di fare meglio. Non possiamo sempre dire ‘crea squilibrio, è un giocatore che può farcela in qualsiasi momento, un giocatore che può fare gol’, sì, ma questo non arriva mai… Dopo un po’ dobbiamo poter sanzionare”.

Trascrizione Girondins4Ever

-

PREV Mentre iniziano i lavori di sterro, cinque cose da sapere sulla futura piscina Dinan
NEXT Corpo smembrato di una donna a Niort: arrestato il suo compagno, principale sospettato