I Red Devils hanno vinto ma il loro Euro non è ancora stato lanciato

I Red Devils hanno vinto ma il loro Euro non è ancora stato lanciato
I Red Devils hanno vinto ma il loro Euro non è ancora stato lanciato
-

Immaginavamo questo Belgio-Romania come un punto di svolta. Dal girone, ovviamente dopo la sconfitta iniziale contro la Slovacchia, ma anche dal torneo. Una vittoria potrebbe togliere un peso enorme alla squadra e consentire un prosieguo più rilassato, ideale per liberare il potenziale offensivo dei Devils. I belgi hanno vinto sabato sera a Colonia, ma il loro Euro non è ancora partito, nonostante il virtuale secondo posto.

Ci sono troppe domande dopo questi novanta minuti contro la Romania. Domande dietro e domande davanti. Mercoledì contro l’Ucraina a Stoccarda dovremo pensare solo alla qualificazione. Proiettarsi ulteriormente nel torneo non ha ancora senso, anche se non abbiamo la minima idea di quando dovremo fare le valigie.

Belgio–Romania: Dodi Lukebakio, ritmo serrato e prima di successo

Non basterà ancora l’assist di Lukaku a cancellare l’incubo

Come contro gli slovacchi, i Devils hanno avuto molte occasioni. Il che dovrebbe rassicurare, ma lo spreco è stato troppo grande per osare prendersi gioco delle innegabili qualità degli attaccanti belgi. Doku palleggiava tantissimo, De Bruyne colpiva tantissimo, Lukebakio provocava tantissimo e Lukaku pesava tantissimo. Ma le reti hanno tremato solo due volte, di cui la seconda a dieci minuti dalla fine quando i romeni si sono scoperti e i tifosi sono arrivati ​​al dito dopo essersi mangiati l’unghia intera.

Naturalmente c’è un elemento di sfortuna. Possiamo anche scrivere che Lukaku sarebbe capocannoniere dell’Europeo se non esistesse il Var. Il fuorigioco che lo ha privato di un gol liberatorio è stato ancora più contenuto rispetto a lunedì scorso ma la regola vale per tutti. Il finalizzatore ufficiale Tedesco dovrà ancora aspettare per schiarirsi le idee e dimenticare definitivamente l’incubo croato del Mondiale 2022 Non basterà il pivot back di Tielemans trasformato in assist per Tielemans dopo 73 secondi.

I diavoli al microscopio: Casteels il salvatore, Lukaku lo sfortunato, Tielemans e De Bruyne i liberatori

Dietro, il Belgio regnava sotto gli occhi del Nostro Sovrano a Colonia. I Diavoli offrirono diversi doni che i romeni, troppo deboli, non riuscirono mai ad aprire. Onana, due volte, e Faes hanno commesso degli errori che il livello teorico dell’Euro punisce sempre, come regola generale. Il passaggio a 24 qualificazioni potrebbe aver cambiato l’idea, ma è solo temporaneo. Negli ottavi di finale, sabato l’avversario avrebbe segnato una o due volte, nonostante Casteels fosse presente per due parate fondamentali.

Un grande Tielemans, un grande pressing ma un giorno di riposo in meno

L’analisi può sembrare dura, ma i Devils ci lasciano tra due sentimenti dopo questo primo successo in un torneo importante dal Canada, già quattro partite fa. Non bisogna dimenticare tutte le cose belle viste a Colonia, come l’ottima partita di Tielemans, regale nella ripresa, essenziale nella costruzione e decisivo nel finale per la sua 69esima presenza. Il suo gol fulmineo mandò in estasi il Paese. Anche il pressing belga è stato molto più incisivo rispetto a quello contro la Slovacchia, con de Bruyne e Doku molto impegnati.

Belgio-Romania: la grandissima parata di Casteels che riceve un pallone enorme da Onana (VIDEO)

Questo Belgio del 2024 fa venire voglia di farsi vedere ma non sappiamo fino a che punto, né in quale fase del torneo. L’unica preoccupazione da qui a mercoledì sarà quella di rifocalizzarsi e continuare a lavorare sui punti deboli di questa giovane squadra, anche se i rientri di Vertonghen e Theate erano già un primo passo. Alla Mercedes Benz Arena non dovremmo fare bella figura contro gli ucraini, anch’essi rinvigoriti e che avranno beneficiato di un giorno di riposo in più. Il che va detto vista l’energia sprigionata dai Devils sul campo del Colonia.

-

PREV Una giornata dipartimentale di successo – DFCO
NEXT NELLE IMMAGINI, NELLE FOTO. Rivivi il primo giorno del festival Vieilles Charrues 2024