PARIGI 2024. JOseph Guillemot, prima medaglia d’oro olimpica del Limosino

PARIGI 2024. JOseph Guillemot, prima medaglia d’oro olimpica del Limosino
PARIGI 2024. JOseph Guillemot, prima medaglia d’oro olimpica del Limosino
-

Unico campione olimpico francese dei 5000 metri, Joseph Guillemot è il primo limosino, prima del lottatore Henri Deglane nel 1924 e del judoka Cyril Jonard nel 2004, ad aver vinto l’oro olimpico. Era il 1920, ad Anversa. Gli editori ardenti hanno appena pubblicato un libro sulla storia di questa gloria, caduta nell’oblio.

Chi conosce ancora Joseph Guillemot? Nato a Dorat nel 1899, fu il primo Limosino ad aver vinto un titolo olimpico. Era il 17 agosto 1920, ad Anversa, in Belgio, sui 5.000 metri.

Un’impresa e la storia di un uomo raccontate in un libro “Joseph Guillemot – Mémoires”, scritto da Christophe Laguzet.

Anche lui è figlio di Dorat. Appassionato di sport, si entusiasmò delle vittorie del campione olimpico e, per il suo libro, fece ricerche, intervistò i residenti, la famiglia del suo eroe d’infanzia e svolse un vero e proprio lavoro investigativo.

Mi ha guidato per tutta la vita

Joseph Guillemot – memorie di Christophe Laguzet, edizioni Ardents

© France Télévisions

“Oltre a piacermi, mi ha guidato per tutta la vitadice Christophe Laguzet per spiegare il suo attaccamento a Joseph Guillemot. Come possiamo arrivare a questo livello, in questo momento?“, si meraviglia.

Christophe Laguzet ricorda quando suo zio Jean Villette gli parlò del giovane Joseph, un tempo apprendista nella pasticceria di famiglia. Si parlava allora del piccolo Joseph (J.Guillemot era alto 1,60) e del grande Joseph, il padrone del luogo.

Ma per Joseph Guillemot, panificare non è realmente una vocazione, analizza Christophe Laguzet, piuttosto un obbligo. I suoi genitori vendono pesce, l’ambiente sociale è piuttosto modesto. Primogenito di otto figli, lasciò la scuola per intraprendere un apprendistato.

Nel 1918 fu chiamato sotto la bandiera e, nel battaglione di Joinville, le sue capacità fisiche furono presto notate. Gareggia alle sue prime gare. Nel 1919 fu campione militare di sci di fondo, poi campione francese dei 5.000 metri l’anno successivo. Si moltiplicano i titoli nazionali, ma il più glorioso resta quello olimpico.

Il 17 agosto 1920 Joseph Guillemot vinse l’oro nei 5.000 metri. Con sorpresa di tutti, ha battuto il favorito finlandese Paavo Nurmi. È in testa, ma negli ultimi metri Joseph Guillemot, pettorale 329, accelera ed emerge. Taglia il traguardo in testa. Un’impresa. Cosa che avrebbe potuto ripetersi il giorno dopo, ma il destino è intervenuto.

Festeggia la sua vittoria sui 5.000 metri al ristorante a pranzo. La sua prossima corsa è alle 17, è la finale dei 10.000 metri, ma alle 13,30, in mezzo al banchetto, vengono ad informarlo che la corsa è andata avanti. Non ha ancora finito di mangiare quando gli viene detto che la partenza è prevista un quarto d’ora dopo.

Nel 1974, in un programma televisivo, Joseph Guillemot disse:

Arrivando allo stadio, ho notato che ero stato alleggerito di un paio di chiodi. Non siamo riusciti a trovare un paio di scarpe da punta adatte a me nel clan francese.

Poi “Ho preso la valigia e sono arrivato allo stadio, ho notato che mi avevano alleggerito di un paio di scarpe chiodate. Non riuscivamo a trovare un paio di scarpe chiodate che mi andassero bene nel clan francese, me ne hanno prestato un paio con due taglie in più. Ho dovuto cercare i calzini da mettere ai piedi, cosa che non ho mai fatto. Oltre a questo, del nastro adesivo per tenere le scarpe, delle grosse doppie spille americane per tenere le mutandine, perché avevo la pancia gonfia.”

La corsa è difficile, ma il piccolo Limosino resiste “Nurmi mi ha preso 20 metri e sono finito a nemmeno 50 cm da lui”.

Se ci fosse stato 1 metro in più avrei vinto l’evento

Lo stesso anno fu quindi Joseph Guillemot Campione olimpico dei 5.000 metri e vicecampione olimpico dei 10.000 metri.

Prestazioni fisiche, ma Joseph Guillemot colpisce anche per il suo carattere, si dice di lui che abbia il carattere di un maiale.

Lui si difende: “Non ho mai avuto un brutto carattere, tutt’altro. Ma ero un gentiluomo perché sentendo tutti parlare, dicevo “mi state dicendo delle sciocchezze”, per questo mi hanno detto che avevo la faccia da maiale.”

Una forza di carattere che gli permette di vincere le sue gare, ammira Christophe Laguzet “Lo fa solo a modo suo. Si allena come vuole. Lavorare per la squadra è bello, ma lui è libero nel modo di pensare le cose e si vede che è molto supponente, un combattente.

Un personaggio che gli è valso più che semplici amici nell’atletica. A poco a poco abbandona la disciplina, soprattutto perché è un dilettante e quindi ha bisogno di lavorare.

Nel corso della sua carriera visse a Lione o a Parigi, dove aprì un caffè, l’Olympe. Ritorna regolarmente a Dorat, la sua città natale, per trovare i suoi fratelli e sorelle.


Il 4 giugno 1967 Joseph Guillemot inaugurò lo stadio a suo nome a Dorat

© Archivi Dorachonne degli Stati Uniti

Una città che non la dimenticherà mai. Il 4 giugno 1967 diede il via alla partita di calcio tra la squadra militare francese e la LFC, incontro per inaugurare lo stadio a suo nome.

Nel 1974, definitivamente in pensione, occupa la sua casa a Oradour-Saint-Genest. Un anno dopo morì lì “5.000 metri dalla sua città natale”, osserva Christophe Laguzet. È sepolto lì. Sulla sua tomba furono deposti una palma e anelli olimpici, l’ultimo tributo a un campione leggendario.

-

PREV Le small cap prendono il sopravvento sull’inflazione, dollaro in calo Da Investing.com
NEXT Viktor Orban incontra Donald Trump dopo il vertice NATO