LIVE – Elezioni legislative: per François Hollande “il macronismo è finito” – Libération

LIVE – Elezioni legislative: per François Hollande “il macronismo è finito” – Libération
LIVE – Elezioni legislative: per François Hollande “il macronismo è finito” – Libération
-

Per niente felice. Michel Barnier, ex capo negoziatore dell’Unione europea per la Brexit, non apprezza affatto che Emmanuel Macron evidentemente non abbia letto bene, o addirittura non abbia letto affatto, le sue memorie, di cui tuttavia gli aveva fornito una copia gratuita tre anni fa. “Il primo capitolo è stato scritto proprio evocando ciò che potrebbe accadere in Francia», ha spiegato in un’intervista a Telegrafo quotidiano l’ex ministro di Jacques Chirac e Nicolas Sarkozy.

“Mi rammarico che nel mio Paese questo avvertimento non sia stato ascoltato… sull’immigrazione, sulla sicurezza, sull’autorità dello Stato e sul rispetto e lo sviluppo delle zone più povere del Paese”Egli ha detto. “Sono convinto che dobbiamo prestare molta più attenzione e mostrare grande rispetto per ciò che pensano le persone sul campo in alcune regioni molto povere”giudica, aggiungendo che è questa mancanza di attenzione e di rispetto che, “nel Regno Unito, ciò spiega in gran parte il voto sulla Brexit e penso che potremmo sperimentare la stessa cosa in Francia”.

La decisione di sciogliere l’Assemblea nazionale, “una decisione che nessuno capisce”, sembra una scommessa “molto rischioso”, spiega Michel Barnier al quotidiano conservatore britannico favorevole alla Brexit. L’ex commissario europeo ha avvertito che era necessario “State molto attenti a ciò che rischia di accadere in Francia, che si tratti dell’elezione di Marine Le Pen [à la présidence, ndlr] o una maggioranza assoluta per l’estrema destra” al termine del secondo turno delle elezioni legislative del 7 luglio. Di Sonia Delesalle-Stolper

-

PREV Accoltellamenti, vittime fuori pericolo… Quello che sappiamo dell’aggressione ai due giocatori di rugby a Sables-d’Olonne
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole