i suoi 5 film essenziali da vedere o rivedere

i suoi 5 film essenziali da vedere o rivedere
i suoi 5 film essenziali da vedere o rivedere
-

AFP

L’addio, con l’anima spezzata, di una generazione a Françoise Hardy

È tempo di addii: parenti e centinaia di ammiratori di Françoise Hardy hanno pianto giovedì al cimitero Père-Lachaise di Parigi l’icona della canzone, morta all’età di 80 anni. Jacques Dutronc, il marito di Françoise Hardy, di cui era stata separati da anni, e il figlio Thomas Dutronc erano circondati dalla famiglia artistica del cantante, che non voleva una cerimonia religiosa. C’era tutta una generazione di cantanti francesi: Julien Clerc, Laurent Voulzy, Dave, ma anche Sheila e Salvatore Adamo, particolarmente applauditi all’ingresso nella cupola del crematorio del Père-Lachaise. Oltre al regista François Ozon, che ha utilizzato molte delle sue canzoni nei suoi film, hanno partecipato al viaggio anche i fedeli Etienne Daho e Carla Sarkozy, così come hanno notato il ministro della Cultura Rachida Dati e Brigitte Macron, che ha fischiato. un giornalista dell’AFP. La cerimonia di mezz’ora si è svolta nella privacy. Le più grandi canzoni del cantante risuonavano nella piazza, dove si erano riuniti centinaia di ammiratori, sussurrando con gli occhi arrossati le parole di questi successi che hanno scosso molto più della loro adolescenza “E se me ne vado prima di te”, “L’ora dell’amore”. “, “Tante cose belle”, sono andati in onda. È stato su “Messaggio personale” (“Se mai credi che mi ami…”) che la bara di legno chiaro è uscita di scena “Ha segnato le nostre vite, dagli anni ’60 a oggi”, Jean-Charles. ha detto all’AFP tra la folla di ammiratori un pensionato parigino di 70 anni, vestito con un berretto basco. “Con i suoi messaggi, potremmo prenderci il tempo per sistemarci e vivere.” “Rappresenta tutta la mia giovinezza, era una personalità discreta, lontana dal clamore, una donna molto bella rispetto alle ragazze di oggi”, dice Houria. , parigino di 71 anni – Sepolto in Corsica? -Annie non è nata nel 1962 quando è uscito “All the Boys and Girls”, ma è venuta per rendere omaggio a colei che le ricorda sua madre “Sono venuta anche per tutta la famiglia Dutronc”, aggiunge questo funzionario pubblico lavora di notte e ha preso la deviazione prima di assumere il suo posto È stato Thomas Dutronc ad annunciare la morte dell’idolo yéyé la sera dell’11 giugno sui social network. Sotto una foto sua e di sua madre, ha scritto un sobrio “La mamma se n’è andata”. Due giorni dopo, è tornato sul palco durante un concerto al Pas-de-Calais. “In Inghilterra si dice: +Elefante nella stanza+ (il vasto argomento di cui evitiamo di parlare, ndr). (…) Il mio +elefante nella stanza+, è la partenza di mia madre verso altri cieli”, ha ha detto, commosso, il cantante aveva espresso il desiderio di essere sepolto in Corsica, più precisamente a Monticello, dove vive Jacques Dutronc. Tuttavia, non è stata ricevuta alcuna richiesta di sepoltura di un’urna in una proprietà privata, ha dichiarato giovedì la prefettura dell’Alta Corsica, intervistata dall’AFP, che lottava contro la malattia da molti anni. Il cancro è apparso nella sua vita nel 2004, assumendo diverse forme e causandogli una dura prova. L’artista confidò così a Paris Match nel 2023 di voler “andarsene presto e velocemente, senza troppe sfide”. Si espresse anche a favore del diritto a morire con dignità. L’artista, con la sua finta malinconia, conquistò il pubblico anglosassone negli anni Sessanta, attirando l’attenzione di Mick Jagger e Bob Dylan. È stata anche l’unica francese nella classifica delle 200 migliori cantanti di tutti i tempi stilata dalla rivista americana Rolling Stone nel 2023. fbe-mc/may/tes

-

PREV Detonazioni sentite durante un incontro di Donald Trump: l’ex presidente evacuato con sangue sull’orecchio (FOTO + VIDEO)
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole