Gérald Darmanin afferma che non sarà più ministro degli Interni in caso di sconfitta della maggioranza

Gérald Darmanin afferma che non sarà più ministro degli Interni in caso di sconfitta della maggioranza
Gérald Darmanin afferma che non sarà più ministro degli Interni in caso di sconfitta della maggioranza
-

Gabriel Attal denuncia “due blocchi estremi che si alimentano a vicenda”

«Oggi ci sono tre blocchi, di cui due estremi, che si alimentano a vicenda, perché si alimentano tutti sulle divisioni tra i francesi, sulla stigmatizzazione di una parte dei francesi, non ogni volta uguale »ha detto giovedì a Marsiglia il capo del governo, che prende così di mira La France insoumise e il Rassemblement National.

Il primo ministro si reca a Marsiglia per sostenere due candidati della maggioranza presidenziale alle elezioni legislative del 30 giugno e 7 luglio, tra cui Sabrina Agresti-Roubache, segretaria di Stato alla guida della città e vicina alla coppia Macron, in lizza per salvare il suo posto nella 1D Circoscrizione elettorale delle Bocche del Rodano.

“Insoumise France alimenta il Rally Nazionale e il Rally Nazionale alimenta Insoumise France”ha insistito Gabriel Attal. “Scommettono tutti sull’idea che il popolo francese possa essere disunito (…)che l’odio sarebbe un carburante elettorale»continuò, stimandolo“la maggioranza dei francesi non vuole farsi prendere in questa tenaglia”.

“Dovremo lottare dal 30 giugno, molto si deciderà al primo turno”ha continuato il Primo Ministro, assicurandolo “L’unico voto utile per evitare gli estremi sono i candidati dell’Ensemble pour la République” E “I francesi aspirano all’unità”.

“I francesi ci dicono, lo vediamo anche dai sondaggi, in un ballottaggio tra i candidati Nupes e il Raggruppamento Nazionale, a vincere è quasi sempre il Raduno Nazionale. Nel secondo turno tra l’Ensemble pour la République e i candidati del Rally Nazionale, sono i candidati dell’Ensemble pour la République a vincere.ha sostenuto ancora Gabriel Attal.

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole