AGGIORNAMENTO SETTIMANALE-Indicatori di inflazione al centro dell’attenzione dei mercati – 21/06/2024 alle 13:48

AGGIORNAMENTO SETTIMANALE-Indicatori di inflazione al centro dell’attenzione dei mercati – 21/06/2024 alle 13:48
AGGIORNAMENTO SETTIMANALE-Indicatori di inflazione al centro dell’attenzione dei mercati – 21/06/2024 alle 13:48
-

Mentre i mercati cercano di determinare il ritmo dell’allentamento monetario delle banche centrali, i prossimi dati sull’inflazione provenienti da Stati Uniti, Europa e Giappone saranno monitorati con attenzione.

Nei mercati emergenti come Messico, Turchia e Filippine prevarranno le riunioni delle banche centrali.

In Francia e Gran Bretagna, dove si stanno preparando le elezioni legislative anticipate, la situazione di bilancio è preoccupante a Parigi, mentre a Londra una grande vittoria del Labour è rassicurante.

Riepilogo delle prospettive di mercato per i giorni a venire:

1/ IL PCE SCONOSCIUTO NEGLI STATI UNITI

Il tanto atteso rallentamento dell’inflazione americana stenta a prendere piede, ma gli investitori restano fiduciosi, dimostrandosi più ottimisti della Federal Reserve americana (Fed), che prevede solo un taglio dei tassi quest’anno.

La pubblicazione venerdì prossimo dell’indice dei prezzi delle spese per consumi personali (PCE), la misura dell’inflazione preferita dalla Fed, potrebbe rafforzare questa speranza anche se la cautela rimane d’obbligo poiché i prezzi al consumo (CPI) negli Stati Uniti a maggio hanno mostrato solo una stagnazione, certamente inaspettata .

Un dato deludente del PCE potrebbe indebolire le argomentazioni dei sostenitori di un imminente taglio dei tassi di interesse.

2/ IL BOJ DEVE CONVINCERE

La Banca del Giappone (BoJ), la cui politica monetaria è contraria a quella delle altre grandi banche a causa della deflazione che sta attraversando l’arcipelago, ha lasciato la porta aperta ad un rialzo dei tassi a luglio. I mercati però non credono in una simile decisione e valutano meno di uno su tre la probabilità di un aumento di un quarto di punto dei tassi di riferimento della BoJ.

Ciò è dovuto in gran parte al fatto che la banca centrale ha già dichiarato che il mese prossimo attuerà anche una stretta quantitativa. L’argomentazione avanzata dall’istituto emittente monetario non è quella di rischiare di perturbare i mercati obbligazionari.

La BoJ, come altre banche centrali, basa la propria politica sugli indicatori e questi, finora, non esercitano realmente pressioni a favore della stretta monetaria. La debolezza della spesa al consumo è particolarmente preoccupante e l’inflazione guidata dalla domanda ha rallentato per nove mesi consecutivi.

Alcuni dati macroeconomici chiave, come le vendite al dettaglio previste per giovedì e i prezzi al consumo a Tokyo previsti per venerdì, dovrebbero fornire ulteriore chiarezza alle prospettive. La BoJ pubblicherà il 24 giugno anche i “verbali” della riunione del 13 e 14 giugno.

3/ INFLAZIONE NELLA ZONA EURO SOTTO MONITORAGGIO

I dati preliminari sull’inflazione in diversi paesi della zona euro (Francia, Italia e Spagna) per il mese di giugno saranno pubblicati venerdì prossimo, prima di quelli per l’intero blocco valutario del 2 luglio. Forniranno un primo assaggio dell’azione dei prezzi, una statistica vitale per i trader che cercano di anticipare il ritmo del taglio dei tassi della Banca Centrale Europea (BCE) quest’anno.

La BCE ha tagliato i tassi il 6 giugno, ma l’inflazione persistentemente elevata e le richieste salariali sollevano dubbi sul numero di tagli futuri.

Gli operatori di mercato valutano la probabilità di un ulteriore calo del costo del credito entro la fine dell’anno intorno al 64%, rispetto a quasi l’80% prima della riunione di giugno.

Una sorpresa al rialzo dell’inflazione potrebbe ridurre ulteriormente questa probabilità, soprattutto perché gli investitori appaiono nervosi sul mercato obbligazionario a causa dell’incertezza legata alle elezioni legislative in Francia del 30 giugno e 7 luglio.

4/ CONTRASTO LONDRA-PARIGI

La situazione politica in Gran Bretagna e Francia presenta un notevole contrasto poiché gli elettori di entrambi i paesi si preparano ad andare alle urne.

Le elezioni legislative in Francia suscitano timori sui mercati a causa di una possibile vittoria dell’estrema destra o dell’alleanza di sinistra, che potrebbe comportare un aumento della spesa con il rischio di peggiorare la situazione di bilancio del paese. Venerdì il “Nuovo Fronte Popolare” di sinistra ha stimato il costo del suo programma economico per il periodo 2024-2025 a 125 miliardi di euro.

Sul mercato dei cambi, l’euro EUR= ha recentemente toccato il minimo di un mese e venerdì si è attestato a 1,0683 dollari, in ribasso dello 0,16%. Si teme un ulteriore calo nei prossimi giorni.

In Gran Bretagna, dove il 4 luglio sono previste le elezioni legislative, la sterlina GBP= , dal canto suo, beneficia della speranza di stabilità politica legata ad una probabile ampia vittoria del partito laburista contro i conservatori del primo ministro uscente Rishi Sunak.

La sterlina britannica è stata la valuta con la migliore performance rispetto al dollaro dall’inizio dell’anno e ha raggiunto il livello più alto degli ultimi due anni rispetto all’euro.

Ironicamente, il timore che uno scenario in stile Liz Truss in Francia spieghi in gran parte la sfiducia nei confronti dell’euro. I mercati finanziari britannici sono stati scossi dopo la presentazione di un mini-budget di 45 miliardi di sterline di tagli fiscali non finanziati, che ha costretto l’ex primo ministro britannico a dimettersi nell’ottobre 2022. All’epoca la sterlina era scesa al minimo storico.

5/ ASPETTANDO LA FED

Gli sforzi di molte banche centrali dei mercati emergenti per guidare il loro ciclo di allentamento monetario vengono vanificati dalla Fed, con la prospettiva di un taglio dei tassi statunitensi che si attenua mentre il dollaro si rafforza.

Si prevede che la banca centrale del Messico manterrà i tassi invariati giovedì prossimo. Tuttavia, il paese si trova ad affrontare l’aumento dell’inflazione e della volatilità del peso legata alla vittoria a sorpresa della coalizione del partito di governo nel voto del 2 giugno, che ha spaventato gli investitori.

Nelle Filippine, i funzionari della banca centrale, riuniti lo stesso giorno, dovrebbero lasciare i tassi al livello attuale, il più alto degli ultimi 17 anni, dopo aver indicato che l’attuale politica monetaria restrittiva è appropriata.

Per quanto riguarda la Turchia, che si è convertita tardi ad una politica monetaria più ortodossa, si prevede che manterrà il suo tasso di riferimento al 50%, poiché i funzionari della banca centrale hanno affermato di risentire ancora degli effetti dell’inflazione, che è salita al 75%. nel mese di maggio con cadenza annuale.

(Scritto da Ira Iosebashvili a New York, Kevin Buckland a Tokyo, Karin Strohecker e Samuel Indyk a Londra e Yoruk Bahceli ad Amsterdam; compilato da Dhara Ranasinghe; infografica di Kripa Jayaram, Pasit Kongkunakornkul, Prinz Magtulis, Vineet Sachdev; versione francese Claude Chendjou , a cura di Blandine Hénault)

-

PREV I prezzi dell’Audi Q6 e-tron sono ormai noti
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole