Omicidio in una macelleria di Rennes: messo in stato di fermo il presunto autore degli accoltellamenti

Omicidio in una macelleria di Rennes: messo in stato di fermo il presunto autore degli accoltellamenti
Omicidio in una macelleria di Rennes: messo in stato di fermo il presunto autore degli accoltellamenti
-

Il caso dell’omicidio avvenuto martedì sera in rue Vaneau davanti a una macelleria afghana a Rennes, è entrato in una nuova fase questo giovedì con la fine della custodia dei due imputati. Sono stati deferiti alla procura di Rennes ed è stata aperta un’indagine giudiziaria affidata a un giudice istruttore.

Il 18 giugno, in questo quartiere di Bourg-l’Evêque, il cognato del titolare della macelleria, di 47 anni, è arrivato con un machete poco dopo le 19 ed è scoppiata una rissa. L’aggressore ha colpito al braccio un dipendente con un machete. Poi l’aggressore è tornato alla sua auto parcheggiata nelle vicinanze, presumibilmente per recuperare una pistola difensiva che sparava proiettili di gomma. Hasmatullah, il proprietario della macelleria, e un membro della sua famiglia di 28 anni hanno poi aggredito l’aggressore, utilizzando in particolare un coltello. Quest’ultimo è morto pochi minuti dopo davanti alla macelleria.

Arrestati, i due uomini sono stati immediatamente presi in custodia dalla polizia. Giovedì sera sono stati incriminati con la qualifica di omicidio, precisa il pubblico ministero di Rennes Philippe Astruc a Télégramme. Il presunto autore dell’accoltellamento, il dipendente della macelleria, è stato posto in custodia cautelare e suo fratello, il direttore, è stato posto sotto controllo giudiziario.

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole