Una giornata per dare un’anima imprenditoriale a chi cerca lavoro

-

Come a livello nazionale, questi incontri mirano a sostenere coloro che sono pronti a intraprendere un progetto di creazione di impresa, o almeno se lo stanno interrogando. Mayotte ha diverse organizzazioni e azioni che lavorano in questo settore, l’incubatore o il BGE o Adie ne sono esempi. Questi sono quindi organizzati dalla Camera di Commercio e dell’Industria, in partenariato con la Comunità Urbana del Grande Nord di Mayotte (CAGNM) e il Consiglio dipartimentale, che finanzia l’azione.

Si tratta di importare tutte le competenze, in particolare quelle che si trovano presso la Maison de l’Entreprise a Mamoudzou, nell’estremo Nord, “perché non possiamo entrare tutti nell’amministrazione e dobbiamo creare ricchezza e valore aggiunto”, ha sottolineato Adams Mkadara, il conduttore oggi, anche lui dirigente d’azienda poiché è a capo della consulenza Forma Plus, specializzata in coaching, risorse umane, ecc.

Gli stand annessi hanno accolto il pubblico durante la mattinata

Il tema del 2024 “Azionariato popolare” implica l’inclusione economica e sociale dei giovani, siano essi apprendisti o lavoratori del settore associativo. “Abbiamo invitato tutte le strutture in grado di supportarvi. »

Per questo motivo la giornata è iniziata lentamente con un piccolo pubblico eterogeneo a metà mattinata mentre sono arrivati ​​1.500 inviti da parte della CCI. Si tratta di Hadati e Sahalati, due sorelle, arrivate su invito della Missione Locale, ma senza un vero progetto creativo, “cerchiamo lavoro o formazione”, forse il loro andare avanti e indietro da uno stand all’altro era il motivo .ti daranno il desiderio? È anche la coach professionista della transizione Zaina Mohamed, ideatrice del Pro active Transition Coaching: “Ho sentito parlare di questa Giornata dell’imprenditorialità, sto cercando di strutturare la mia azienda, di trovare soluzioni per completare le dichiarazioni fiscali, le previsioni finanziarie, ecc. Ma non sono riuscito a trovare uno stand che soddisfacesse le mie esigenze”.

Blocco delle strade e dei conti

Queste Giornate dell’Imprenditorialità andrebbero forse ampliate offrendo collegamenti video tra le strutture di accoglienza e i richiedenti per rendere compatibili le esigenze di ciascuno.

Nissoiti Halidi ha presentato il suo registratore di cassa all’avanguardia e multilingue

Lo sviluppo tecnologico è proprio ciò che viene offerto a 150 doukas (negozi di alimentari di quartiere) nella loro versione 2.0. Catherine Mkadara, responsabile regionale della missione della CCI Mayotte, ci spiega: “Dopo i blocchi stradali di inizio anno, le piccole imprese hanno avuto difficoltà a pagare i contributi previdenziali e a riprendere la contabilità. Forniremo quindi a 150 douka un registratore di cassa di nuova generazione, dotato di software adeguato. »

Abbiamo intervistato Nissoiti Halidi, il cui marito, ingegnere, Issihaka, ha creato questo software automatizzando le vendite, i riferimenti degli articoli, il fatturato giornaliero, ecc. Software che offre francese, Shimaore, Kibuchi e tiene conto anche dei caratteri arabi.

Altri imprenditori deplorano il fatto che non tutti i commercianti siano dotati di SumUp a Mayotte, questi piccoli terminali che permettono di pagare con carte bancarie, “non possiamo continuare a pagare tutto in contanti!” “.

L’evoluzione sembra lenta ma è in corso, secondo gli organizzatori di queste giornate di incontro.

Anne Perzo-Lafond

-

PREV incendio in un centro commerciale provoca almeno 16 morti
NEXT Türkiye: Trilioni di energia aumentano la produzione di gas nel giacimento SASB