I prezzi dei viaggi esploderanno quest’estate

I prezzi dei viaggi esploderanno quest’estate
I prezzi dei viaggi esploderanno quest’estate
-

I turisti dovrebbero aspettarsi un forte aumento dei prezzi dei biglietti alberghieri e aerei quest’estate. Questo è quanto rivela uno studio della compagnia di assicurazione crediti Allianz Trade. “Lo scorso anno il PIL globale è cresciuto del 3,2%. Ci si potrebbe aspettare che una crescita limitata, soprattutto in Europa, incoraggi i consumatori a essere passivispiega Johan Geeroms, uno dei leader dello studio. Tuttavia, sta accadendo il contrario. La voglia di viaggiare non fa che crescere. Allo stesso tempo, molte compagnie aeree si trovano ad affrontare carenze di aeromobili, manodopera e pezzi di ricambio. In questo contesto i prezzi non possono che aumentare”.

Ciò che frena l’entusiasmo dei belgi di andare in vacanza

Il viaggio, “un elemento essenziale”

Quest’estate il mondo avrà gli occhi puntati sull’Europa e più specificatamente su Parigi e sulla Francia, dove si svolgeranno i Giochi Olimpici. “L’aumento del prezzo dei biglietti aerei è molto maggiore dell’inflazione, ma questo non sembra preoccupare i consumatoricontinua Johan Geeroms. Sono disposti ad accettare prezzi più alti o a viaggiare meno lontano”.

Nel 2023 hanno viaggiato all’estero 1,3 miliardi di persone, con un incremento del 33% rispetto all’anno precedente. Secondo lo studio di Allianz Trade, i consumatori considerano sempre più il viaggio come una parte essenziale della loro vita e lo inseriscono nel budget familiare. “Raramente osserviamo il fenomeno della vergogna di prendere l’aereo”insiste il signor Geeroms che parla di “stanchezza” consumatori sulla questione climatica. “Hanno anche altre preoccupazioni: i prezzi dell’energia, l’inflazione dei prodotti alimentari, la guerra sullo sfondo”.

Questo aumento dei prezzi dei biglietti aerei può essere spiegato anche dai ritardi di consegna che molte aziende stanno attualmente riscontrando. E questo soprattutto in seguito ai continui problemi di uno dei due maggiori produttori mondiali, l’americana Boeing.

I belgi sono pronti a spendere molto di più della media europea per le vacanze estive

Allianz Trade stima che quest’anno la crescita totale dei ricavi nel settore dell’aviazione globale sarà di circa il 6,5%. “L’aviazione è quindi l’unico settore che non ha subito un calo dopo la ripresa post Covid”, insiste lo studio.

Secondo l’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata), l’utile netto del settore quest’anno ammonterà a 30,5 miliardi di dollari. Una cifra significativamente superiore ai 27,4 miliardi di dollari del 2023.


Alloggio: in aumento anche i prezzi

“Quanto maggiore sarà la domanda, tanto più costose saranno le ultime disponibilità. Ciò vale sia per i biglietti aerei che per gli hotel e altri alloggi, ricorda Sarah Saucin, portavoce di Tui Belgio. Analizzando le prenotazioni effettuate fino a maggio compreso, rispetto all’anno scorso Tui rileva un aumento complessivo dei prezzi del 5%. Questo aumento corrisponde principalmente all’inflazione e all’aumento generale dei costi”. Alla Sunweb, il country manager per il Belgio, Ben Clockaerts, parla di un aumento massimo del 4-5% rispetto all’estate scorsa. “Il paniere medio continua ad aumentare nel 2024, principalmente a causa dell’effetto prezzo”, conferma la BTC (Confederazione belga dei viaggi), che riunisce diverse associazioni del settore. Infine, Frank Bosteels, portavoce di Connections, spiega: “Abbiamo esaminato le vendite di hotel effettuate presso Connections per un periodo di circa 6 mesi e su 10.000 prenotazioni di hotel abbiamo riscontrato un aumento dei prezzi dell’1,5% rispetto allo stesso periodo di prenotazione un anno dopo in anticipo.”

-

PREV Esercitazione marittima congiunta tra Giappone e Taiwan: la Cina molto arrabbiata con Tokyo
NEXT prima dell’impennata dei prezzi, gli utenti fanno scorta