taglia la gola al suo capo con un taglierino

taglia la gola al suo capo con un taglierino
taglia la gola al suo capo con un taglierino
-

Il 16 giugno, un funzionario di un garage amministrativo statale, situato a Montélimar (Drôme), ha ucciso il suo manager con un taglierino. Messa in custodia di polizia, non ha potuto essere ascoltata a causa dei suoi problemi psicologici. È stata ricoverata in ospedale.

L’omicidio sarebbe stato causato da “una controversia professionale”, ha indicato il pubblico ministero di Valencia, Laurent de Caigny. Ma gli investigatori non sono riusciti a sentire la donna accusata di aver ucciso il suo superiore, direttore di un garage amministrativo statale, situato in rue Roger Morin a Montélimar (Drôme).

Il 18 giugno la polizia è stata allertata di un attacco con accoltellamento in un sito del Ministero dell’Interno. Quando sono arrivati, hanno scoperto il corpo di un uomo di 51 anni con una ferita al collo: “una ferita unica e profonda causata da un’arma da taglio”, precisa il pubblico ministero. Vicino al corpo del padre di famiglia c’è un taglierino che si ritiene sia l’arma del delitto. Tutto quello che resta da fare è trovare il sospettato che è scappato. L’operazione è più semplice del previsto perché si trova vicino al garage. Viene posta direttamente in custodia di polizia.

Interrotta la custodia della polizia

Se gli investigatori tentano di ascoltare l’accusa, la custodia della polizia viene infine interrotta a causa di “il suo stato medico e psicologico”, indica il pubblico ministero. Il cinquantenne designato come “aver inferto il colpo mortale » è stato poi ricoverato in ospedale “settore specializzato ».

Prosegue l’indagine sull’omicidio affidata alla divisione criminalità organizzata e specializzata della Drôme-Ardèche, mentre il 19 giugno verrà effettuata l’autopsia. Secondo una fonte vicina alla vicenda, i due colleghi non avevano mai avuto disaccordi prima.

-

PREV cosa sappiamo dell’aggressione con coltello a un agente di polizia
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole