Il FTSE 100 di Londra avanza dopo che l’IPC mostra un’inflazione in linea, i prezzi del rame salgono

Il FTSE 100 di Londra avanza dopo che l’IPC mostra un’inflazione in linea, i prezzi del rame salgono
Il FTSE 100 di Londra avanza dopo che l’IPC mostra un’inflazione in linea, i prezzi del rame salgono
-

Mercoledì il FTSE 100 di Londra ha chiuso in rialzo mentre gli investitori hanno digerito un rapporto chiave sull’inflazione che mostrava un lento calo dell’inflazione dei servizi, mentre i minatori industriali che seguivano l’aumento dei prezzi del rame hanno compensato i cali.

Il FTSE 100 ha chiuso in rialzo dello 0,2%, superando il livello cruciale di 8.200 per la prima volta in una settimana, mentre il FTSE 250 a media capitalizzazione è sceso dello 0,1%.

La sterlina ha guadagnato lo 0,1% rispetto al dollaro e si è attestata a 1,2723 dollari. [GBP=D3]

Gli investitori hanno dovuto affrontare un calo più lento del previsto dell’inflazione dei prezzi dei servizi a maggio, che secondo la BoE fornisce una visione più chiara dei rischi di inflazione a medio termine, sebbene l’inflazione complessiva sia scesa al target del 2% della BoE.

“Il mercato è piuttosto ottimista dopo i dati rilasciati oggi, poiché ce n’è per tutti i gusti. Ciò rafforza la probabilità di vedere almeno un taglio dei tassi quest’anno, forse di più a seconda dei successivi sviluppi dei dati”, ha affermato Jaymeen Patel, senior specialista in prodotti di investimento presso St James Place.

Gli investitori sono unanimi nel ritenere che il taglio dei tassi non avverrà prima di settembre. [0#BOEWATCH]

“Se le pressioni sui prezzi interni persistono e l’attività economica continua ad essere resiliente, un taglio dei tassi ad agosto potrebbe anche essere escluso”, ha affermato Zara Nokes, analista dei mercati globali presso JP Morgan Asset Management.

Nel mercato, i settori sensibili ai tassi d’interesse come i beni per la casa, l’edilizia abitativa e il settore immobiliare sono stati i più perdenti, perdendo rispettivamente il 2,9% e l’1,0%.

Tuttavia, i minatori industriali sono aumentati dello 0,8% in tandem con i prezzi del rame che hanno toccato i massimi di sette settimane. [MET/L]

Gli investitori ora tengono gli occhi puntati sulla decisione di politica monetaria della banca centrale giovedì.

Tra i singoli titoli, la società di infrastrutture di telecomunicazioni Helios Towers è stata la società che ha perso di più sull’indice a media capitalizzazione, perdendo il 7,8% dopo un’offerta di azioni secondarie scontate.

Anglo American guadagna l’1,7% dopo che il minatore ha dichiarato di aspettarsi un calo del 30% nella sua principale miniera di rame in Cile nel 2025.

Allo stesso tempo, il costruttore edile Berkley Group è crollato del 6,3% finendo in fondo all’indice di riferimento, nonostante abbia alzato le previsioni sugli utili per il 2025.

Mercoledì i mercati statunitensi sono rimasti chiusi per le festività.

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole