Marocco: il ministro dell’Economia spiega il debito crescente: “Muovetevi, non c’è niente da vedere”…

Marocco: il ministro dell’Economia spiega il debito crescente: “Muovetevi, non c’è niente da vedere”…
Marocco: il ministro dell’Economia spiega il debito crescente: “Muovetevi, non c’è niente da vedere”…
-

Del crescente debito del Marocco si parla tanto, troppo, secondo Nadia Fettah, ministro dell’Economia e delle Finanze. Lei è del parere che non ci sia motivo oggettivo di allarmarsi, che il debito del regno sia contenuto entro limiti sostenibili e che il governo abbia la ferma volontà di portarlo sotto la soglia del 70% del debito. In altre parole “Muoviti, non c’è niente da vedere”… beh, quasi niente da vedere…

Tuttavia, il debito pubblico è salito a livelli senza precedenti. Il solo debito del Tesoro è salito lo scorso anno a oltre 1.000 miliardi di dirham. Driss El Azami El Idrissi, ex ministro del Bilancio del PJD (Partito Giustizia e Sviluppo, islamista), ha sottolineato l’accelerazione del debito, 140 miliardi di dirham in più nel 2022-2024. Il ministro dell’Economia non può più sottrarsi, è costretto ad accendere le lanterne dei sudditi di Sua Maestà. La signora Fettah lo ha fatto nello show “Grand Format-Le360”.

Ha cercato di rassicurare: “Il rischio per la sostenibilità è controllato“. Ha affermato che il rapporto debito pubblico/Tesoro è attualmente a un livello inferiore al 70%, mentre nel 2020 era superiore al 72%. “Il trend è al ribasso e questo è l’impegno del governo“, insiste. Secondo lei bisogna invece esaminare la struttura del debito per avere un’idea chiara delle leve che il governo può attivare…

La quota del debito interno nel portafoglio del debito del Tesoro supera il 75%. Quindi, la struttura del debito è essenzialmente a lungo termine e il suo costo medio è intorno al 3%. Tale debito è garantito prevalentemente (90%) a tasso fisso», precisa il ministro. Ha ribadito che il governo non si muoverà”livello del 70% del PIL, forse un po’ meno“. Questa ferma promessa”è stato verificato per due anni, supportato da un programma di bilancio triennale”.

La signora Fettah ha dichiarato che non si tratta di accelerare la riduzione del debito per non “ostacolare la traiettoria delle riforme e le condizioni per raggiungere la crescita desiderata, soprattutto dopo le molteplici crisi vissute negli ultimi anni“. Inoltre, il Marocco si prepara a seguire la strada dei partner stranieri per finanziare il suo bilancio, quindi debito aggiuntivo. Ma è possibile fare diversamente?

Sappiamo che la crescita nel 2024 sarà fortemente influenzata dalla scarsa stagione agricola, tra l’altro, un punto in meno rispetto alle previsioni iniziali. Cattive notizie annunciate dal Centro Economico Marocchino (CMC) e confermate dalla Banca Mondiale (BM). Non è certamente questo il momento di interrompere la dinamica degli investimenti pubblici che sono alla base dell’attività economica. La domanda è come spendere meglio. La CMC e la BM hanno fornito indicazioni in questa direzione. Vedremo quando arriveremo…

Intanto il ministro si è rallegrato del miglioramento del rating dell’agenzia americana Standard & Poor’s, che ha rivisto l’outlook del Marocco da “Stabile” a “Positivo”. La signora Fettah ha inoltre sottolineato il rapporto positivo degli esperti del Fondo monetario internazionale durante la loro ultima missione nel quadro dell’articolo IV dell’istituzione di Bretton Woods. “Continueremo a proclamare che i fondamentali macroeconomici rappresentano una linea rossa, per ragioni di sostenibilità, in modo da non ostacolare la traiettoria delle riforme e degli investimenti che vogliamo.“, dice Nadia Fettah.

-

PREV Il Giovane e l’Inquieto in anteprima: il riassunto delle puntate da lunedì 15 luglio a venerdì 19 luglio 2024 [SPOILERS] – Serie di notizie in TV
NEXT Dollar General deve pagare una multa di 12 milioni di dollari, per migliorare la sicurezza negli accordi statunitensi – 11/07/2024 alle 22:08