Perché il prezzo del succo d’arancia è tornato a salire?

Perché il prezzo del succo d’arancia è tornato a salire?
Perché il prezzo del succo d’arancia è tornato a salire?
-

Il prezzo del succo d’arancia e il prezzo di una bottiglia sullo scaffale non sono immuni dal contesto inflazionistico. Negli ultimi mesi il succo d’arancia è costato di più sugli scaffali. Un aumento dei prezzi che si spiega in particolare con il funzionamento di questo mercato.

Ogni giorno il succo d’arancia viene quotato alla Borsa di New York, come le azioni di una società. È il famoso confronto tra domanda e offerta che determina il prezzo. E tutte le marche di succhi d’arancia che conosciamo, in Francia ma anche nel mondo, acquistano il succo d’arancia su questa base e poi lo mettono in bottiglie o cartoni.

È proprio questo prezzo ad essere alle stelle con un aumento del 50% da gennaio e del 300% nell’arco di due anni e mezzo. Il riscaldamento globale ha molto a che fare con questo. La maggior parte delle arance del mondo, infatti, viene coltivata in Brasile ed è quindi sufficiente che la produzione brasiliana sia penalizzata per avere impatti sul prezzo mondiale del succo d’arancia. Questo è esattamente ciò che sta accadendo.

Forti aumenti dei prezzi in un anno

Le piantagioni di arance non sono vittime solo della cosiddetta malattia del drago ma anche del clima, con temperature più alte del solito e pioggia più leggera del normale. La conseguenza è un calo previsto del 25% nella produzione di arance.

Quando sono preoccupati per la produzione di arance, alcuni marchi anticipano i loro acquisti e quindi aumentano i prezzi. Il che incoraggia anche gli altri a comprare, il che genera speculazioni. In questo senso il succo d’arancia non è diverso dal petrolio.

Quando i prezzi salgono alla Borsa di New York, sono anche sugli scaffali del tuo supermercato. Da giugno 2023, il cartone di succo d’arancia a marchio Leclerc è aumentato del 23%, quello di Intermarché di oltre il 35% e quello di Carrefour di oltre il 40%.

Per coloro che in questo momento stanno andando al frigorifero per versarsi un bicchiere di succo d’arancia, fatelo ma con… moderazione. Oppure cambia il frutto. Il succo di mela costa il 30-40% in meno che arancione.

La redazione consiglia

Novità dalla redazione RTL nella tua casella di posta.

Utilizzando il tuo account RTL, iscriviti alla newsletter informativa di RTL per seguire quotidianamente tutte le ultime novità

Per saperne di più

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole