Festival di Bayonne 2024. Luna park diviso, giornata senza impianto audio, sicurezza: svelate le ultime novità

Festival di Bayonne 2024. Luna park diviso, giornata senza impianto audio, sicurezza: svelate le ultime novità
Festival di Bayonne 2024. Luna park diviso, giornata senza impianto audio, sicurezza: svelate le ultime novità
-

HA quindici giorni prima dell’apertura del Festival di Bayonne, anticipata dal 10 al 14 luglio a causa delle Olimpiadi di Parigi, i preparativi accelerano. L’assistente per la cultura e gli eventi Yves Ugalde, il presidente della commissione extracomunale dei Festival Henri Lauqué, nonché il direttore generale dei servizi cittadini David Tollis hanno ricevuto “Sud Ouest” per discutere delle ultime novità della prossima edizione. Alcuni avranno valore di prova, in un momento in cui molti fan dell’evento chiedono misure forti per combattere una sensazione di “eccesso generalizzato”.

1 Il luna park: diviso per intralciare meno

Come la decisione di anticipare la cerimonia di apertura alle 17 invece che alle 22, anche questa è un’altra grande novità: le giostre saranno quest’anno divise in due siti, la parte inferiore dell’Allée Boufflers e il parcheggio Charles de Gaulle. dietro il municipio. L’obiettivo non è rivivere queste scene angoscianti di folle enormi schiacciate sui banchi di churros e di pesca delle anatre durante i momenti salienti della festa, come il risveglio di Re Leone o la sfilata del corso luminoso.

“Lo spostamento della folla dopo l’apertura delle vacanze dell’anno scorso ci ha posto di fronte a nuove responsabilità. Dovevamo trovare soluzioni contro questa enorme pressione alla fine del ponte Mayou, all’ingresso degli archi di Port-Neuf o della rue Victor-Hugo», insiste Yves Ugalde.

Il ponte Saint-Esprit, l’Échauguette, la Place du Réduit e la sommità dell’Allée Boufflers riacquisteranno un po’ di ossigeno. Su quest’arteria che unisce la rotatoria della Nautique, i mercati della fiera saranno dislocati a partire dal secondo blocco di edifici, in rue Jacques-Laffite. Le famiglie potranno accedervi senza entrare nell’area a pagamento, tramite rue de Ravignan.

“Nel parcheggio de Gaulle parliamo di un’occupazione periferica. La superficie centrale rimarrà libera. I mercati saranno allestiti tutt’intorno e con i lavoratori della fiera ci siamo impegnati a non abbattere nessun albero, spiega David Tollis. Questa installazione sarà abbinata ad alcuni lavori sulle rive dell’Adour, banchina Pedros. Un’ultima serie di esercizi commerciali saranno dislocati lungo rue Bernède con stand gastronomici, per evitare il più possibile l’inquinamento acustico per i residenti. »

2 Un giovedì preservato dalla furia degli impianti sonori

Altra fonte di fastidioso fastidio: l’uso degli impianti audio esterni, la maggior parte dei quali collegati da sbarre, sarà vietato per tutta la giornata di giovedì, fino alle 19.00. Feste rumorose ucciderebbero le vacanze. Molte feste locali condividono la stessa osservazione. “Poiché la musica ammorbidisce la morale, abbiamo notato un clima più pacifico nei luoghi in cui l’offerta musicale era qualitativa. A differenza di questi posti dove gli altoparlanti emettono decibel”, spiega Henri Lauqué. La riflessione è stata fatta preventivamente con i membri della Commissione Extracomunale Festival e del Collettivo 2032, formato da una dozzina di associazioni di commercianti, peñas, musicisti, residenti locali e perfino proprietari di bar.

“Hanno accettato l’idea di un giovedì dedicato alla musica dal vivo. D’altro canto siamo consapevoli che ci sono problemi in centro città, quando la festa è in pieno svolgimento, sottolinea l’assessora alla cultura. Saremo intransigenti nell’area a pagamento. Oltre a ciò, sapremo agire in modo intelligente. »

«Per quanto riguarda gli impianti audio in generale, un’ordinanza emessa dal sindaco avrà l’obiettivo di garantire il rispetto delle norme, sia per quanto riguarda i decibel (1) che per la posizione degli altoparlanti, orientati verso l’interno dei bar. Una brigata antiinquinamento acustico, composta da agenti giurati, avrà il compito di effettuare controlli e, se necessario, imporre sanzioni”, prosegue il direttore generale dei servizi.

3 Sicurezza: un rappresentante per bar o peña

Gli organizzatori dell’evento hanno mantenuto un’altra proposta proposta dal Collettivo 2032 per migliorare la sicurezza delle Vacanze: l’idea di realizzare una rete della città designando un referente in ogni stabilimento, peñas compresi. “Questi contatti, in fase di identificazione, potranno trasmettere informazioni in caso di incidente, ma anche segnalare eventuali allarmi al PC di sicurezza situato presso la Maison des associazioni”, spiega David Tollis. Il ruolo di questa rete sarà, ad esempio, quello di interrompere l’impianto audio per diffondere un messaggio e magari favorire il passaggio dei vigili del fuoco. »

Per quanto riguarda la presenza delle forze dell’ordine durante i cinque giorni di festa, il sistema sarà lo stesso degli anni precedenti. Vale a dire: quattro società CRS, tre diurne e una notturna, ovvero quasi 280 agenti di polizia, oltre a 600 agenti di sicurezza privati. “Lo Stato ha deciso di reagire, cosa che non era scontata alla vigilia delle Olimpiadi”, afferma il direttore generale dei servizi.

(1) Come l’anno scorso, i decibel non devono superare i 92 di giorno e i 95 di notte.

-

PREV Omicidio di Célya: la bambina vittima di “atti di estrema violenza”
NEXT BOURGOGNE-FRANCHE-COMTÉ: Morte di Nathalie Leblanc, vicepresidente della Regione