Ciclismo. Giro di Svizzera femminile

Ciclismo. Giro di Svizzera femminile
Ciclismo. Giro di Svizzera femminile
-

È alla quarta e ultima fase Giro di Svizzera femminile evento molto vivace al quale abbiamo potuto partecipare questo martedì. Infine, al termine dei 127,5 chilometri da percorrere attorno alla città della Champagne, è lui che indossa la maglia gialla, Demi Vollering, che ha alzato le braccia! Vincitrice della sua terza tappa in questa 4a edizione, l’olandese del Team SD Worx-Protime ha corso uno sprint con un gruppo di quattro corridori. Il campione italiano Elisa Longo Borghini (Lidl-Trek) si è classificata seconda, precedendo le due grandi signore della tappa del giorno prima, ovvero l’australiana Neve Bradbury e il polacco Katarzyna Niewiadoma (Canyon/SRAM Racing). Troppo forte per le sue avversarie in questi quattro giorni di gareDemi Vollering offre la classificazione generale dei Giro di Svizzera femminile, e questo per la prima volta nella sua carriera. È accompagnata sul podio da Neve Bradburysecondo e miglior giovane, e Elisa Longo Borghiniterzo. Maggiori informazioni a seguire…

Sabato Demi Vollering ha vinto la prima tappa

Riepilogo degli ultimi 65 chilometri

Una coppia di testa, sette corridori in contropiede cronometrati a 1 minuto e un gruppo a 4’10” di distacco e guidati dai compagni di squadra di Demi Vollering (Team SD Worx-Protime): ecco la situazione mentre ci avviciniamo alla seconda parte di questa 4a ed ultima tappa del Tour de Suisse Femmes. Lo sloveno Urska Zigart (Liv AlUla Jayco) e gli olandesi Nienke Vinke (Team dsm-firmenich PostNL) aprono la strada, con dietro di loro Niamh Fisher-Black (Team SD Worx-Protime), Antonia Niedermaier (Canyon // SRAM Racing), Evita Muzic (FDJ-SUEZ), Brodie Chapman (Lidl-Trek), Juliette Labous (Team dsm-firmenich PostNL), Rosita Reijnhout (Team Visma | Noleggio Bici) e Steffi Häberlin (Selezione dalla Svizzera).

All’interno del gruppo, i corridori del Team SD Worx-Protime non perdere tempo, e per una buona ragione! Due corridori che compaiono in contropiede sono pericolosi per chi indossa la maglia gialla, in questo caso Juliette Laboussettimo a 2’56”, e Antonia Niedermaiernono a 3’22”. A poco più di 55 miglia dall’arrivo si assiste ad un raggruppamento delle prime posizioni, Nienke Vinke Poi Urska Zigart essere catturato dai sette inseguitori. Il gruppo si è avvicinato molto poiché ora è a soli 2’15” dai fuggitivi.

Va all’attacco il Lidl-Trek, quinto nella classifica generale su terra

Dalle prime pendenze della Vue des Alpes (5,4 km al 4,8%), ultima difficoltà elencata di questa 4a edizione, il gruppo di testa perde Nienke Vinke, Rosita Reijnhout E Brodie Chapmanmentre il plotone esplode sotto l’impeto della formazione Lidl-Trek. Leader della squadra americana, Elisa Longo Borghini poi pianta una banderilla, e solo Katarzyna Niewiadoma, Neve Bradbury (Canyon // SRAM Racing), Kim Cadzow (EF Education-Cannondale) e Demi Vollering riescono ad accompagnare il campione italiano.

In vetta, a 45 chilometri dall’arrivo, i cinque corridori di testa – Steffi Häberlin è stato perso – mantengo ancora un margine di 1’20” sul gruppo maglia gialla, ma questo vantaggio diminuirà poi molto rapidamente fino a scendere a meno di 20 secondi a poco più di 30 miglia dalla meta. Mentre Haberlino ritorna in testa alla corsa in discesa e basta Zigart non appare più in primo piano, Cadzów è vittima di una caduta nel gruppo dei big. Il quinto posto in classifica generale sembra molto penalizzato e rischia di perdere molto in quest’ultima tappa.

I più forti di questo Tour de Suisse fanno la differenza

Sotto l’impulso di Brodie Chapmana cui fa un lavoro enorme Elisa Longo Borghini, avviene un raggruppamento tra i primi due gruppi a 12 chilometri dalla Champagne, e troviamo così tredici corridori in lizza per la vittoria in questa quarta tappa. Pochi minuti dopo, sono rimasti solo quattro in testa alla corsa, Vollering, Longo Borghini, Niewiadoma E Longo Borghini aver fatto la differenza sugli avversari. Gli ultimi chilometri sono segnati da numerosi attacchi all’interno del gruppo di testa

-

PREV il prezzo del biglietto della metro in aumento, come limitarne (un po’) l’esplosione
NEXT Cosa ricordare del primo discorso di Donald Trump dopo l’attentato contro di lui