L’atleta tongano di kitefoil muore in un incidente in immersione

L’atleta tongano di kitefoil muore in un incidente in immersione
L’atleta tongano di kitefoil muore in un incidente in immersione
-

Jackson James Rice, un giovane atleta tongano che si è qualificato per i Giochi Olimpici di Parigi del 2024 con il kitefoil, è morto tragicamente questo sabato, 15 giugno, durante un incidente subacqueo.

Una vera tragedia. A soli 18 anni e quando sarebbe dovuto venire a Parigi tra poco più di un mese per competere alle Olimpiadi del 2024 nel kitefoil, Jackson James Rice ha perso la vita durante un incidente in tuffo questo sabato, 15 giugno, ha confermato suo padre all’ Giornale Matangi Tonga.

JJ Rice stava facendo snorkeling quando è svenuto in acque poco profonde. Il suo corpo è stato ritrovato al largo dell’isola di Foa da altri subacquei e molteplici tentativi di rianimazione non sono riusciti a salvarlo.

Il giovane, nato negli Stati Uniti da genitori di origine britannica, è cresciuto a Ha’apai, Tonga, dove i suoi genitori gestiscono un albergo turistico, indica The Guardian. Jackson James Rice ha dovuto difendere i colori del suo paese adottivo con il kitefoil.

Durante la Sail Sydney, che si è svolta a dicembre in Australia, il suo 8° posto gli ha assicurato la qualificazione alle Olimpiadi. “Ho avuto la fortuna di avere il fratello più straordinario del mondo e la sua morte mi ferisce”, ha scritto sua sorella Lily in un messaggio su Facebook. Era un kitefoiler incredibile e avrebbe lasciato le Olimpiadi con una medaglia”.

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole