Cinema tunisino in lutto

-

Cultura

Morte di Khémais Khayati: cinema tunisino in lutto

Martedì 18 giugno 2024 – 12:24


Neila Driss

Morte di Khémais Khayati: cinema tunisino in lutto

È con immensa tristezza che annunciamo la morte del grande critico cinematografico e giornalista Khémais Khayati. Ci ha lasciato questo martedì 18 giugno 2024 presso la clinica Saint Augustin di Tunisi, dopo essere stato ricoverato pochi giorni fa per problemi polmonari.

Nato il 10 dicembre 1946, il compianto Khémais Khayati lascia un vuoto immenso nell’ambiente mediatico e cinematografico tunisino e internazionale. Rispettato e apprezzato da tutti, aveva solo amici in questo campo che tanto amava.

Khémais Khayati ha avuto un ruolo cruciale nel trasmettere l’amore per il cinema a intere generazioni di tunisini. Personalmente ha segnato la mia infanzia con il suo spettacolo di cinema in televisione, uno spettacolo a cui non mi sono mai perso e che ha contribuito ad alimentare la mia passione per la settima arte.

Al di là dei suoi contributi ai media, Khémais Khayati è stato anche un mentore premuroso per molti aspiranti giornalisti e critici, me compreso. Era sempre prodigo di consigli e incoraggiamenti. È stato grazie a lui se ho potuto ottenere la mia prima grande intervista, con l’attore egiziano Hussein Fahmy. La sua gentilezza e il suo sostegno non si sono fermati qui; mi ha guidato anche durante il mio primo servizio al Cairo International Film Festival, un’esperienza indimenticabile che ha segnato una svolta nella mia carriera.

La morte di Khémais Khayati è una perdita incommensurabile per il mondo del cinema e del giornalismo. Ricordiamo il suo immenso contributo alla cultura cinematografica e la sua indelebile influenza su tutti coloro che hanno avuto la fortuna di incrociare il suo cammino.

Possa riposare in pace e possa la sua eredità continuare a ispirare le generazioni future.

-

PREV “Questa è l’ultima volta che metti piede qui!” »: questo giorno in cui Nagui ha attaccato un ospite di Taratata
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole