Il dollaro avanza in previsione di un calo dei tassi di interesse, l’euro si stabilizza

Il dollaro avanza in previsione di un calo dei tassi di interesse, l’euro si stabilizza
Il dollaro avanza in previsione di un calo dei tassi di interesse, l’euro si stabilizza
-

Martedì il dollaro è salito mentre i trader attendevano il rapporto sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti e i commenti dei funzionari della Federal Reserve per valutare i tempi dei tagli dei tassi di interesse, mentre l’euro si è stabilizzato dopo il calo della scorsa settimana a causa della politica.

L’indice del dollaro USA, che misura la valuta rispetto ad altre sei valute, è salito dello 0,18% a 105,46. Lunedì ha perso lo 0,2%, dopo aver toccato il livello più alto in sei settimane a 105,80 venerdì.

Il biglietto verde è stato spinto in direzioni diverse poiché i dati sull’inflazione statunitense contrastavano con l’atteggiamento complessivamente ottimista dei funzionari della Fed alla riunione della scorsa settimana, quando avevano ridotto la loro precedente proiezione mediana di tre tagli del tasso da un quarto di punto quest’anno a uno solo.

L’aumento dello 0,6% del dollaro la scorsa settimana è stato alimentato principalmente dal forte calo dell’euro dopo che il presidente francese Emmanuel Macron ha indetto elezioni anticipate in risposta alla sconfitta del suo partito centrista al potere da parte dell’euroscettico nazionale Rassemblement di Marine Le Pen durante le elezioni al Parlamento europeo. .

L’euro si è stabilizzato questa settimana ed è sceso dello 0,1% a 1,0724 dollari, dopo aver toccato il minimo di sei settimane di 1,0668 dollari venerdì e dopo essere salito dello 0,26% lunedì.

“Durante il fine settimana, la francese Le Pen ha detto che sarebbe stata disposta a lavorare con il presidente Macron e non lo avrebbe cercato”, ha detto Mohit Kumar, capo economista europeo presso Jefferies.

“Alcuni dei recenti deflussi sono stati guidati dai timori di una ‘Frexit’ e di una disgregazione della zona euro”, ha aggiunto. “Questi timori sono esagerati.

I dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono attesi alle 12:30 GMT (8:30 ET) e si prevede che mostrino un aumento dello 0,3% su base mensile a maggio dopo la crescita zero di aprile.

Il presidente della Fed di Filadelfia, Patrick Harker, ha rivelato lunedì di essere favorevole al tapering, ma ha lasciato la porta aperta a un cambiamento di opinione sulla base dei dati futuri.

Una lunga lista di funzionari della Fed salirà sul podio più tardi oggi, tra cui Susan Collins della Fed di Boston e Thomas Barkin della Fed di Richmond.

“Se si guarda al flusso di dati provenienti dagli Stati Uniti, i dati sull’inflazione e sul mercato del lavoro indicano un cambiamento di politica da parte della Fed, nonostante i funzionari abbiano ridotto le proiezioni di taglio dei tassi, ha affermato Rodrigo Catril, senior strategist valutario presso la National Australia Bank.

“Per il momento, è l’attrattiva del dollaro come bene rifugio che gli permette di rimanere sostenuto”, ha aggiunto Catril.

Il dollaro è salito dello 0,25% a 158,12 yen, chiudendo sul massimo di sei settimane di venerdì di 158,26. La sterlina scivola dello 0,2% a 1,2678 dollari.

Nel frattempo, il dollaro australiano non è stato influenzato dalla decisione della Reserve Bank of Australia di mantenere i tassi martedì, ed è salito dello 0,1% a 0,6618 dollari.

“La posizione della RBA è stata ben espressa: sono in modalità attendista finché non avranno più dati sull’inflazione”, ha affermato Catril della NAB.

Nelle criptovalute, il bitcoin è sceso di circa l’1,1% a 65.600 dollari, attorno al minimo di un mese.

-

PREV Dati sensibili nel cloud: cosa consiglia ANSSI
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole