Rabat celebra la Giornata internazionale delle rimesse familiari – Oggi Marocco

Rabat celebra la Giornata internazionale delle rimesse familiari – Oggi Marocco
Rabat celebra la Giornata internazionale delle rimesse familiari – Oggi Marocco
-

Nathalie Fustier, coordinatrice residente delle Nazioni Unite in Marocco, ha chiesto un’azione congiunta per ridurre i costi di invio delle rimesse da parte dei migranti, rendendoli più veloci e più sicuri.

L’inclusione finanziaria : La capitale del Regno ha celebrato il 12 giugno 2024 la giornata internazionale delle rimesse familiari. Rabat è una delle sette città al mondo che ospitano questo evento organizzato dal Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo in collaborazione con la delegazione dell’Unione europea. Ha sottolineato i progressi compiuti dal Marocco nei settori delle rimesse, dell’inclusione finanziaria e dell’accesso ai trasferimenti digitali.

Rabat ha celebrato la Giornata internazionale delle rimesse familiari (IDFR) il 12 giugno 2024. La capitale del Regno è una delle sette città del mondo ad ospitare l’evento organizzato dal Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo in collaborazione con la delegazione dell’Unione europea a Rabat, si legge in un comunicato stampa degli organizzatori dell’incontro. Il tema di questa giornata era “Promuovere le rimesse digitali per favorire l’inclusione finanziaria e la riduzione dei costi”.

In questa occasione, Nathalie Fustier, coordinatrice residente delle Nazioni Unite in Marocco, ha invocato un’azione comune per ridurre i costi di invio di fondi da parte dei migranti, rendendoli più rapidi e sicuri, sottolineando il contributo di questi fondi al raggiungimento degli SDG e dell’Obiettivo 19 del il patto globale su una migrazione sicura, ordinata e regolare. In questo contesto, ha invitato i governi, il settore privato e tutte le parti interessate ad adottare misure concrete, in particolare attraverso partenariati, per rispettare gli impegni in termini di rimesse che rimangono una priorità a livello locale, nazionale e internazionale. Da parte sua, il presidente dell’IFAD, Alvaro Lario, ha inviato ai partecipanti un videomessaggio nel corso del quale ha ricordato il contributo fondamentale dei migranti e ha ricordato che le rimesse saranno cinque volte più importanti rispetto a 20 anni fa, ed entro il 2030, il flusso cumulativo si prevede che supererà l’incredibile cifra di 5 trilioni di dollari.

Da parte sua, Daniele Dotto, vice ambasciatore presso la delegazione dell’Unione europea in Marocco, ha sottolineato: “All’interno dell’Unione europea stiamo lavorando per la digitalizzazione delle rimesse e la conseguente riduzione dei costi di tali rimesse, in particolare attraverso il promozione di servizi finanziari digitali innovativi. In vista di questi obiettivi, attraverso questo progetto guidato da FIDA, puntiamo a una maggiore inclusione finanziaria e consentiamo ai migranti e alle loro famiglie di sfruttare al massimo i fondi trasferiti in Marocco.

Da parte sua, Hakima El Alami, direttrice del monitoraggio dei sistemi di pagamento, dei mezzi e dell’inclusione finanziaria presso la Banca Al Maghrib, ha sottolineato l’importanza di una migliore inclusione finanziaria per ottimizzare il flusso delle rimesse verso la famiglia. Secondo lo stesso comunicato stampa, il Marocco, in questo contesto, si distingue per la crescita costante delle rimesse dei marocchini residenti all’estero (MRE). “Nel 2023, questi trasferimenti supereranno gli 11,5 miliardi di dollari e rappresenteranno regolarmente fino all’8% del PIL del Paese. Questo contributo significativo, soprattutto durante i periodi di crisi, testimonia l’impegno dei MRE nel sostenere le loro famiglie e comunità nel loro Paese d’origine”, indica la stessa fonte.

E per concludere: “La celebrazione di questa giornata evidenzia anche i notevoli progressi compiuti dal Marocco nei settori dei trasferimenti di fondi, dell’inclusione finanziaria e dell’accesso ai trasferimenti digitali. Questi progressi dimostrano l’efficacia dell’attuazione della Strategia Nazionale di Inclusione Finanziaria e fanno parte del Nuovo Modello di Sviluppo del Marocco, rafforzando il ruolo dei MRE nello sviluppo economico e sociale del Paese. Si noti che questa giornata è stata adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 12 giugno 2018 in riconoscimento del duro lavoro e del sacrificio di milioni di migranti che sostengono i loro familiari nei paesi di origine.

-

PREV Stati Uniti: Donald Trump preso di mira da colpi di arma da fuoco durante un incontro, l’ex presidente ferito a un orecchio ma “sano e salvo”
NEXT Biden, Obama, Bush… “Inorridita”, la classe politica americana condanna l’attacco a Donald Trump