La polizia ha controllato i mendicanti agli incroci 71 volte

La polizia ha controllato i mendicanti agli incroci 71 volte
La polizia ha controllato i mendicanti agli incroci 71 volte
-

I mendicanti in piedi davanti ai semafori degli incroci principali fanno parte del paesaggio urbano di tutte le principali città d’Europa. Anche in Lussemburgo esiste questo fenomeno. Ad esempio sulla strada per Esch, a Hollerich, all’incrocio davanti alla chiesa parrocchiale o sulla Place de l’Etoile nella capitale.

Come conferma il ministro degli Interni Léon Gloden (CSV) nella sua risposta a un’interrogazione parlamentare dell’ADR, è a conoscenza della situazione. Tra il 21 maggio 2023 e il 20 maggio 2024 la polizia avrebbe effettuato a Hollerich complessivamente 59 controlli mirati in questo contesto. In Place de l’Etoile, la polizia ha controllato dodici volte i mendicanti. Per enfatizzare la prevenzione oltre alla repressione, la polizia ha rafforzato la sua presenza in questi luoghi.

Esistono sanzioni

Il codice della strada prevede uno strumento legale per contrastare i mendicanti che chiedono l’elemosina agli automobilisti fermi al semaforo rosso. Le violazioni sono punibili con multe, continua Gloden. Tuttavia, la polizia non può dire quante volte tali reati siano stati puniti negli ultimi dodici mesi. I dettagli non vengono salvati nei database. “Stiamo attualmente esaminando se siano necessarie ulteriori modifiche alla legge per combattere questo fenomeno”, ha affermato.

A Hollerich, già qualche settimana fa, una coppia di mendicanti anziani aveva allestito un luogo di riposo e di riposo direttamente all’incrocio davanti alla chiesa. Per proteggersi dal sole, dal vento e dalle intemperie hanno utilizzato un manifesto elettorale dell’ADR, recentemente contestato per violazione di copyright.

Sotto il manifesto elettorale dell’ADR a Hollerich si erano insediati dei senzatetto. © FOTO: Steve Remesch

Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul sito di Erba di Lussemburgo.
Adattamento: Simon Martin

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole