Festival di Nîmes: Dua Lipa ha stregato le arene per la sua seconda serata nel cuore della città antica

-

In occasione della sua ultima mostra a Nîmes, l’artista britannico-albanese ha offerto uno spettacolo memorabile in un’atmosfera elettrica.

Le luci si spensero e tutta Nîmes ruggì. Questo giovedì 14 giugno, il minimo che possiamo dire è che la magia è avvenuta di nuovo… Dua Lipa, la pop star internazionale, ha illuminato per la seconda volta consecutiva l’anfiteatro romano in occasione del suo ultimo concerto a Nîmes e in Francia.

Uno spettacolo memorabile

Fin dalle prime note l’atmosfera era elettrica. Nelle arene, gremite, risuonavano le grida di migliaia di spettatori provenienti da tutta la Francia e dall’estero. A partire dal suo nuovo successo “Training Season” dal suo ultimo album “Radical Optimism” (2024), Dua Lipa ha offerto ai suoi fan dell’antica città i suoi più grandi classici per tutta la serata.

Uno spettacolo scintillante!
Midi Libre – Mikaël Anisset

Sugli spalti tutti ballavano e cantavano, finché i 10.000 telefoni non si sono illuminati durante la sua nuova ballata “These Walls”. L’arredamento e gli schermi giganti hanno lasciato ampio spazio all’energia sconfinata dell’artista a decine di milioni di ascoltatori sulle piattaforme di streaming. Ma una cosa è certa: nella vita reale è ancora meglio!

“Sono molto grato”

Sul palco, Dua Lipa è anche e soprattutto coreografia meticolosa, effetti di luce sincronizzati alla perfezione, il tutto coronato da un bel discorso nella lingua di Molière. “Grazie mille, sono molto felice di essere qui stasera”parlava in perfetto francese, visibilmente commossa dall’accoglienza riservatale. “Grazie per il vostro supporto per il mio ultimo album. Sono molto grato, grazie. Questo è un sogno diventato realtà”ha concluso tra un fragoroso applauso.

Uno spettacolo meticoloso e una troupe di ballerini all’altezza.
Midi Libre – Mikaël Anisset

L’acustica delle arene, spesso una sfida per gli artisti, non ha impedito alla voce potente del cantante anglo-albanese di risuonare nell’antico recinto. Finalmente, dopo un’ora e mezza di spettacolo energico e ininterrotto, è stato su “Houdini” e il suo ritmo orecchiabile che Dua Lipa si è conclusa, lasciando dietro di sé un pubblico conquistato e ricordi indelebili.

-

PREV I politici canadesi e del Quebec denunciano congiuntamente la sparatoria contro Trump
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole