Una presa di ostaggi nella scuola di Sainte-Feyre: i gendarmi di Guéret simulano un’esercitazione

-

Si tratta di un esercizio insolito per i gendarmi della compagnia Guéret. Mercoledì 22 e 29 maggio e mercoledì 5 giugno, i soldati si allenano nei locali della scuola elementare di Sainte-Feyre, nella Creuse. Lo scenario è quello di un pazzo rintanato in un’aula dell’istituto, dove tiene degli ostaggi. Nella scuola ovviamente non ci sono bambini, i 150 gendarmi della compagnia ricopriranno ruoli diversi. L’obiettivo è allenarsi e affrontare una situazione il più vicino possibile alla realtà.

Gli istruttori seguono i soldati mentre avanzano nell’esercizio. Qui una persona ferita viene curata dalla polizia. ©Radio Francia
Julien Prouveur

L’esercizio inizia con una chiamata ricevuta alla gendarmeria. Un uomo, armato di coltello, è entrato nella scuola e ha aggredito diverse persone. Sul posto arriva una prima pattuglia, vengono chiamati i rinforzi. I gendarmi avanzano nella scuola, armi alla mano. Il maggiore Lardellier supervisiona l’esercitazione: “La difficoltà è non conoscere il luogo. I gendarmi devono operare in uno spazio chiuso e non sanno quante persone ci sono all’interno, quante persone devono salvare.”

caricamento

“È un po’ diverso perché è un esercizio ad alta intensità.”, precisa il caposquadriglia Castanier, comandante della compagnia della gendarmeria di Guéret. Accompagna i formatori e supervisiona l’esercizio: “Sono situazioni in cui per fortuna non siamo abituati a intervenire quindi cerchiamo di calare il gendarme in una situazione quanto più reale possibile, perché quando intervengono i nostri gendarmi, nel 95% dei casi, non conoscono i luoghi di intervento. Questa dimensione deve essere presa in considerazione nei nostri esercizi.

Durante questi esercizi vengono pianificati altri scenari, come un furto con scasso andato storto o una violenza intrafamiliare con una persona che si rifugia nella propria casa.

-

NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India